“Beppe Grillo vero sconfitto delle primarie Pd”: Luca Ricolfi a ItaliaOggi

Pubblicato il 27 Novembre 2012 11:06 | Ultimo aggiornamento: 27 Novembre 2012 11:07
"Beppe Grillo vero sconfitto delle primarie Pd": Luca Ricolfi a ItaliaOggi

“Beppe Grillo vero sconfitto delle primarie Pd”: Luca Ricolfi a ItaliaOggi (Foto LaPresse)

ROMA – “Beppe Grillo è il vero sconfitto delle primarie del centrosinistra”. Luca Ricolfi lo dichiara in un’intervista a ItaliaOggi, dove spiega come il successo di Matteo Renzi dimostri che “anche in Italia esiste un partito in grado di far partecipare i suoi elettori al processo decisionale“. L’unico vero sconfitto di queste primarie, che vedono Renzi e Pier Luigi Bersani sfidarsi al ballottaggio, è Grillo. Il Pd, secondo Ricolfi, si è dimostrato “un’alternativa all’idolatria della rete“.

Ricolfi spiega a ItaliaOggi i motivi dell’affermazione di Renzi a queste primarie, che hanno visto Nichi Vendola, Laura Puppato e Bruno Tabacci uscire dalla corsa a candidato premier. In primis Renzi rappresenta “la sinistra liberale”, per questo ha vinto nelle regioni considerate “rosse”:

“Nelle regioni rosse c’è da tempo una forte domanda di cambiamento. Già manifestatasi negli anni scorsi con i successi elettorali della Lega e di Grillo. Adesso, quegli elettori hanno trovato un tipo di uomo politico molto più affine al loro background culturale. Per un elettore di sinistra di quelle regioni, toccato da una domanda di cambiamento, è molto più naturale votare Renzi che non Bossi, o Grillo, o Maroni. Renzi ha semplicemente riempito un vuoto che c’era”.

Poi Ricolfi spiega la sconfitta di Grillo:

“Le primarie mostrano che c’è una alternativa. Su questo, l’analisi dei dirigenti Pd è corretta: anche in Italia esiste un partito a tutti gli effetti, in grado di far partecipare i suoi elettori a processi decisionali. E’ una alternativa alla idolatria della rete. Se questo sistema funzionasse anche col Pdl, sarebbe un doppio colpo a Grillo”.