Berlusconi: “Accordo con Fini non dipende da me. Bossi? Che Dio ce lo conservi”

Pubblicato il 19 Aprile 2010 - 19:37 OLTRE 6 MESI FA

Gianfranco Fini e Silvio Berlusconi

Nella puntata di Porta a Porta in onda nella serata di lunedì 19 aprile ci sarà anche un’intervista al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Tema, e non poteva essere diversamente, lo strappo con Gianfranco Fini.

Berlusconi, dopo aver detto:  “L’accordo non dipende da me” ha spiegato la sua visione della situazione.  “Non si tratta  – secondo il presidente del Consiglio – di rimproverare niente a nessuno. Qui si tratta di superare momenti magari negativi che però non hanno fondamento alcuno nel nostro partito”.

“Il Pdl – ha aggiunto il premier – ha avuto un congresso trasparente che ha approvato uno statuto che affida agli organi del partito la responsabilità di certe decisioni. Questo finora è sempre avvenuto con successo anche perché il Pdl ha vinto tutte le elezioni da quando è sceso in campo”.

Secondo Berlusconi “il Pdl non può prescindere dal sistema della democrazia. Ritornare al passato, a formule politiche richiamate da alcune nostre componenti che non prevedevano la democrazia perché c’era un leader che decideva tutto è cosa impossibile”.  Il presidente del Consiglio ha poi aggiunto: “credo che tutto si possa migliorare, come è logico che sia ma non possiamo certo prescindere dal sistema della democrazia”.

Decisamente diverso, e molto più benevolo il giudizio sul leader della Lega. Secondo Berlusconi “Umberto Bossi è l’unico alleato che abbiamo. Ha sempre dimostrato saggezza, acutezza politica e assoluta lealtà”. “Che Dio – ha aggiunto scherzando – ce lo conservi, come sicuramente sarà”.