Caso Ruby, un amico della Macrì: “Nadia porterà nuove prove ai pm di Milano”

Pubblicato il 24 Gennaio 2011 10:04 | Ultimo aggiornamento: 24 Gennaio 2011 10:51

Nadia Macrì

Nadia Macrì torna in procura a Milano questa mattina, 24 gennaio, per portare ”nuove prove” che confermerebbero i suoi racconti sui soldi e sui regali che avrebbe ricevuto dal presidente del consiglio Silvio Berlusconi dopo avere fatto sesso con lui. Lo sostiene Francesco Cagliari, l’erede dell’omonima impresa di torrefazione che da qualche settimana ospita a Modena l’ex escort.

L’uomo, che afferma di essere il nuovo fidanzato di Nadia Macrì, sabato aveva detto che, al contrario di quello che ha sostenuto Berlusconi (”Il presidente ha dichiarato al Consiglio dei ministri che senza dubbio qualcuno l’avrà pagata. Smentisco”), per l’intervista a Annozero ”nè lei nè io abbiamo preso soldi”.

La donna – ha aggiunto oggi Cagliari – porterà ai Pm di Milano Pietro Forno, Ilda Bocassini, Antonio Sangermano una borsa lussuosa, che non riuscivano più ”a trovare perché l’aveva presa per sbaglio sua sorella e che è stata riconsegnata solo ieri in tarda serata”. Cagliari non ha voluto chiarire come, ma questa borsa sarebbe in qualche modo legata ai 5.000 euro che Macrì asserisce di avere ricevuto da Berlusconi in una busta dopo una notte con lui. Porterà anche ”la domanda di separazione dall’ex marito”, datata 2007, e che ”dunque – ha concluso Cagliari – smentisce la smentita dell’uomo, che sabato aveva detto di avere regalato lui i gioielli che Nadia invece ha ricevuto dal premier”.