Politica Italia

Berlusconi e le elezioni: “Vinco io, mi accontento di Forza Italia al 30%”

berlusconi-fiuggi

Silvio Berlusconi è in piena campagna elettorale (foto da video)

ROMA – Silvio Berlusconi è convinto di vincere le prossime elezioni e che Forza Italia prenderà almeno il 30% dei voti. Per il centrodestra “su tutti i temi importanti, come fisco, immigrazione, sicurezza, giustizia, Europa, l’accordo c’è sempre stato. Sui dettagli stanno lavorando i tecnici e ben presto potremo renderli noti”. Lo afferma Berlusconi in un’ampia intervista che apre il Tempo, sottolineando che per Forza Italia non si pone “limiti” e si accontenterebbe “del 30%”.

Quanto alle incognite di Strasburgo o dei pm, rilancia: “Io sarò pienamente coinvolto nella competizione elettorale, in qualsiasi caso”. I sondaggi? “Fotografano la situazione di oggi, e dicono che il centrodestra è già molto vicino a poter ottenere una maggioranza autosufficiente. Nei prossimi tre mesi cresceremo ancora”. Di un “patto anti-inciucio” Berlusconi non vede la necessità: “Mi fido di Giorgia e di Matteo, e sono certo che non abbiano alcuna intenzione di fare inciuci”. Quanto alle prospettive di ingovernabilità, “noi governeremo per cinque anni, non vi sarà alcuna instabilità”, rimarca l’ex premier. Un voto al candidato grillino o per il segretario del Pd, aggiunge, “sarebbe un voto inutile perché sia i grillini sia il Pd ancora una volta porterebbero il Paese al disastro”. Berlusconi auspica “risposte urgenti, immediate ai bisogni di quei 4.750.000 italiani che vivono in condizioni di povertà assoluta. Occorrono soluzioni d’emergenza. Il reddito di dignità, che noi abbiamo proposto, viene incontro a questi bisogni”.

“Mi rendo conto che possa somigliare alla proposta dei grillini, ma c’è una differenza fondamentale: il nostro progetto non è deresponsabilizzante, non incentiva a vivere di sussidi, è legato a precisi impegni per rendere questa condizione di povertà transitoria e non definitiva”. Sulle pensioni afferma che “il tema fondamentale” è “ricevere una pensione adeguata. Per questo, oltre a favorire trattamenti pensionistici integrativi su base volontaria, innalzeremo i minimi pensionistici a 1.000 euro”. All’ex senatore di Fi Marcello Dell’Utri, in carcere per una condanna definitiva a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa e da alcuni giorni in sciopero della fame, Berlusconi chiede di “non compiere atti di autolesionismo”, “non rinunciare a lottare”. “L’accanimento contro di lui, ora che la sua salute non è buona, è indegno di un Paese civile. Lo sarebbe d’altronde nei confronti di qualsiasi detenuto malato”.

To Top