Berlusconi: “Pronti a governare con la Lega e i fuoriusciti M5S”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 31 Gennaio 2019 9:04 | Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio 2019 9:04
Berlusconi: "Pronti a governare con la Lega e i fuoriusciti M5S"

Berlusconi: “Pronti a governare con la Lega e i fuoriusciti M5S”

ROMA – “Siamo pronti” a tornare alle urne, “ma molti affermano che nel Parlamento, dopo la caduta di questo governo, emergerà una maggioranza in grado di sostenere un governo del centro-destra senza passare da nuove elezioni. Mi risulta che molti parlamentari – anche fra i Cinque Stelle – si rendano conto che le politiche del governo ci stanno portando verso una nuova grave crisi e che sentano il dovere di fare qualcosa per cambiare questa situazione”.

Sono le parole del presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in un’intervista a Repubblica . Quanto al Pd, “soffre delle sue molte divisioni. Non vedo le condizioni con loro”. “Con questo governo, con questi grillini, in molti mi rimpiangono, perché questi sono inadeguati”, dichiara Berlusconi, che denuncia “l’analfabetismo giuridico di questa maggioranza e il grave pericolo per la libertà di tutti gli italiani insito nella loro politica ferocemente giustizialista. Senza la prescrizione un cittadino può restare sotto processo a vita”, rileva l’ex premier. In economia, “provocare gli italiani parlando di boom economico – dice in riferimento a Luigi Di Maio – mentre il Paese sta affondando, è offensivo. Io vedo il rischio di una recessione”.

Sul caso Diciotti, “non credo che Salvini potrebbe restare al governo con chi non appoggiasse la sua azione, condivisa – almeno a parole – anche dal presidente del Consiglio e dai ministri grillini”, osserva Berlusconi. “Sono però curioso di vedere se i parlamentari Cinque Stelle saranno disposti a rinnegare quello che hanno sempre affermato sulla necessità di concedere sempre le autorizzazioni a procedere”. Quanto alla Sea Watch, “fa bene Salvini a fermare un traffico vergognoso di esseri umani. Eviterei però di creare casi umanitari con inutili sofferenze. Il nostro governo ottenne gli stessi risultati senza gesti così controversi”, conclude Berlusconi.