Berlusconi: “Pm contro di me, no a nuovo Pdl. Voti persi per l’appoggio a Monti”

Pubblicato il 8 Giugno 2012 11:17 | Ultimo aggiornamento: 8 Giugno 2012 12:35

ROMA, 8 GIU – Silvio Berlusconi, nel corso dell’Ufficio di presidenza del Pdl, a quanto raccontano alcuni presenti, ha attaccato la magistratura che a suo dire tiene le persone in carcere solo per muovere accuse nei miei confronti. Nel corso dell’Ufficio di presidenza Berlusconi ne approfitta per congratularsi con l’ex ministro Raffaele Fitto per la doppia assoluzione dalle indagini mosse nei suoi confronti e, contemporaneamente, coglie l’occasione per ribadire il suo sostegno e quello del partito al governatore della Lombardia Roberto Formigoni e al deputato del Pdl Mario Landolfi.

”Occorre un segnale di compattezza come realmente e”’, ha poi detto Berlusconi ai dirigenti del Pdl invitandoli a serrare i ranghi perche’ ”non si deve regalare l’Italia alla sinistra. Conosciamo l’esperienza di chi e’ uscito dalla casa madre e si e’ perso nel nulla”.

Il segretario del Pdl, Angelino Alfano, intervenendo all’Ufficio di presidenza del partito, si e’ detto ”amareggiato per i giornali di area. Se guardate ‘La Repubblica’ a pagina 10 ed ‘Il Giornale’ a pagina 9 hanno titoli simmetrici”.  “Presentiamo un documento in sei punti per andare avanti con forza ed affermare che nel nostro paese ci sono due grandi aree storiche e della nostra Silvio Berlusconi e’ il protagonista”. Lo afferma il segretario del Pdl Angelino Alfano, a quanto raccontano alcuni presenti, nel corso dell’ufficio di presidenza del partito.

“Secondo Euromedia il calo del Pdl dal 27% (l’inizio del sostegno a Monti) al 20% e’ dato da due fattori: il 74% degli elettori non condivide l’appoggio a Monti mentre il restante è perchè ha visto Berlusconi nelle retrovie”: lo ha detto l’ex premier Silvio Berlusconi durante l’ufficio di presidenza del Pdl.

”Gli elettori del Pdl sono cosi’ divisi: il 36% vota per noi, il 56% si astiene ed il 10% vota per gli altri partiti. Ma i nostri sondaggi ci dicono che gli elettori sono pronti a tornare a votare Pdl se si presenta un programma forte e credibile. Da li’ parte il nostro possibile recupero”, ha aggiunto Berlusconi.