‘Sole’ e ‘Corsera’ d’accordo: “Il governo è logorato” ma “la Lega è forte”

Pubblicato il 3 Novembre 2010 17:29 | Ultimo aggiornamento: 3 Novembre 2010 17:29

Silvio Berlusconi

Il governo è logorato, sulla scia delle lotte fratricide e degli scandali che riguardano il premier. Su questo sono completamente d’accordo Il Sole 24 Ore e il Corriere della Sera. Anche se Stefano Folli sul Sole sottolinea che “l’unica via d’uscita sarà fra qualche mese il voto anticipato”, mentre il Corsera afferma che “l’asse con la Lega regge e appare saldo”.

Scrive Folli sul Sole: “Un punto è certo. Il governo Berlusconi è paralizzato. Virtualmente morto, si potrebbe dire, per la perdita di credibilità della sua guida. Se Berlusconi si dimettesse sotto il peso di questa vicenda, la strada sarebbe spianata, almeno sulla carta, verso un esecutivo con una diversa maggioranza e guidato da un ‘signor X’ da individuare. Ma, come si è detto, tale ipotesi avrebbe un senso solo se la Lega entrasse in qualche modo a far parte della combinazione. Se ciò non accade e il premier resta asserragliato a Palazzo Chigi, si deve immaginare che l’unica via d’uscita sarà fra qualche mese il voto anticipato”.

Scrive invece il Corriere: “L’asse con la Lega regge, appare saldo. È un argine contro il rischio crescente di crisi, l’unico forse, ma al momento in cui siamo è anche l’unico vero stimolo rimasto per il governo. Insomma si discute di Ruby, di inchieste, di feste a casa del premier, ma non si parla più dell’azione di governo. Che appare al momento paralizzata. Se la Lega deve stare al fianco del premier, se davvero c’è un modo per evitare il ritorno anticipato alle urne, allora occorre un’accelerazione, sostengono Bossi e i leghisti. È il logoramento che può fargli perdere per sempre il suo elettorato oggi disilluso”.