Berlusconi: "L'Italia non è la Grecia, nessun rischio sociale"

Pubblicato il 27 ottobre 2011 8:23 | Ultimo aggiornamento: 27 ottobre 2011 8:28

ROMA – ''Non abbiamo introdotto misure così negative come quelle in Grecia'' dove ci sono stati licenziamenti e tagli agli stipendi pubblici: ''Da noi nulla di tutto questo'' e anche sul fronte del lavoro la situazione è ''assolutamente gestibile'', si tratta solo di ''maggiore mobilita''.

Così il il premier Silvio Berlusconi, lasciando il vertice europeo di Bruxelles, ha negato paragoni con le tensioni sociali scoppiate ad Atene.''La garanzia'' che abbiamo dato sul rispetto degli impegni presi è che ''se non li rispetteremo non saremo più credibili''.

''Credo che nessuno possa porsi contro il volere del proprio Paese in questo modo''.