Berlusconi telefona a L’Infedele: “Trasmissione disgustosa, conduzione spregevole, Minetti brava donna”. Lerner: “Cafone”

Pubblicato il 25 Gennaio 2011 0:05 | Ultimo aggiornamento: 25 Gennaio 2011 2:31

Nicole Minetti

Berlusconi ci è ricascato ma lo ha fatto per un fine “nobile”: difendere Nicole Minetti che per molti aspetti è stata imputata insieme con lui nel processo subito nel corso della trasmissione L’Infedele, condotta Gad Lerner.

Dopo essere intervenuto telefonicamente in diretta su Ballarò (Raitre), stavolta ha chiamato sempre in diretta su la7, L’Infedele, attaccando la trasmissione e il suo conduttore Gad Lerner. Nella trasmissione si parlava del caso Ruby. Tra gli ospiti c’erano Ilaria D’Amico, Carmen Llera Moravia, Lucrezia Lante della Rovere, Cesare Lanza, il sindaco di Verona Flavio Tosi, e Marco Damilano. C’era anche Iva Zanicchi (eurodeputato Pdl) e, nel ruolo della testimone, Marysthell Polanco, una delle ragazze di via dell’Olgettina, più volte presente alle feste di Arcore. Last but not least, era in studio Sara Giudice, 25 anni, consigliera di zona del Pdl e promotrice della raccolta firme contro Nicole Minetti.

“Mi hanno chiamato invitandomi a guardare L’Infedele – ha esordito Berlusconi – ma ho assistito ad una trasmissione disgustosa e ad una conduzione spregevole, turpe, ripugnante. […] Invito cordialmente l’onorevole Iva Zanicchi a venire via da questo incredibile postribolo televisivo”.

La Zanicchi, che fino al quel momento aveva tentato di fare la sua parte, pur essendo in minoranza, dopo la telefonata ha preso forza, alzando la voce, ma non ha lasciato lo studio, prendendosi alla fine i complimenti di Lerner per “non aver obbedito” agli ordini del capo.

Berlusconi ha quindi difeso la Minetti, attaccata a suo dire dalle persone e da alcune delle donne presenti in studio, ovvero Ilaria D’Amico, Carmen Llera Moravia, Lucrezia Lante della Rovere (figlia di Marina Ripa di Meana): “Avete offeso al di là del possibile la signora Nicole Minetti, che è invece una splendida persona: si è laureata col massimo dei voti, 110 e lode, si è pagata gli studi lavorando, è di madrelingua l’inglese, e svolge un importante e apprezzato lavoro con tutti gli ospiti internazionali della regione Lombardia”.

Poi il passaggio più discusso: “Vale (la Minetti, ndr) molto di più di molte delle cosiddette signore presenti”.

Dopo il “cosiddette signore” Lerner ha replicato dando del “cafone” a Berlusconi, che ha poi chiuso la telefonata invitando la Zanicchi ad andarsene.