“Berlusconi è un miserabile vigliacco”: parola di un professore di sinistra

Pubblicato il 21 Aprile 2011 15:52 | Ultimo aggiornamento: 21 Aprile 2011 15:52

NAPOLI – Silvio Berlusconi è un “miserabile vigliacco”. Lo sostiene sul suo blog Giuseppe Aragno, un insegnante napoletano che si è definito “professore di sinistra”. Aragno ha preso spunto da una delle ultime sortite pubbliche di Berlusconi, che aveva invitato a “salvare i propri figli” dalla scuola pubblica, perché piena di “docenti comunisti”.

Aragno ha scritto che l’ultima “arma” che gli rimane per “ribellarsi” è la parola: “Silvio Berlusconi calpesta la mia dignità, facendosi forte del ruolo pubblico che ricopre e del potere che gliene deriva. Come posso difendermi? Quali strumenti ho per ottenere che mi chieda scusa? Per tutelare il mio onore e la mia dignità, posso solo dichiarare pubblicamente il mio sdegno”.

Ecco come il professore ha descritto Berlusconi: “Un vile, un uomo che approfitta del suo ruolo pubblico e del suo potere politico per offendermi, denigrarmi, infangarmi, sapendo benissimo che non ho i mezzi per difendermi, non ha la dignità morale per governare il Paese. Lo dico pubblicamente: le sue parole lo rendono incompatibile col ruolo che ricopre e indegno della mia stima e del mio rispetto”.

Aragno ha dunque concluso che non cambierà idea finché il premier non avrà fatto marcia indietro: “Finché non si scuserà pubblicamente, io pubblicamente dirò che Silvio Berlusconi è un prepotente, un uomo dappoco, un maramaldo che si dimostra vile e coi suoi comportamenti disonora le Istituzioni democratiche”.