Berlusconi prepara la road map: accelera sul rimpasto, pronta la riforma della giustizia

Pubblicato il 7 Marzo 2011 13:21 | Ultimo aggiornamento: 7 Marzo 2011 15:15

Silvio Berlusconi

ROMA – Silvio Berlusconi delinea la ‘road map’ dell’esecutivo per le prossime settimane: allontana le ipotesi di un imminente rimpasto nel governo e sottolinea come si proceda rapidamente sulla riforma della giustizia. Il presidente del Consiglio chiarisce di non aver mai preso in considerazione la proposta di legge sulla ‘prescrizione breve’ del deputato del Pdl Luigi Vitali, presentata a insaputa del governo ”da un deputato che è stato invitato a ritirarla”. Sulla giustizia il Cavaliere preferisce affidarsi a quella ”riforma che precedentemente – dice- non abbiamo potuto presentare per il ‘no’ aprioristico di Fini e dei suoi”. Il testo, rivela, ”è già pronto”.

”Siamo d’accordo su tutti i punti principali- spiega Berlusconi – Poi sarà, naturalmente, il Parlamento ad approfondire, discutere ed introdurre eventualmente innovazioni più profonde”. Individuata anche la tempistica: ”giovedì prossimo” sarà presentato in un Consiglio dei ministri straordinario ad hoc. Il riferimento al ruolo del Parlamento appare come un ‘messaggio’ distensivo nei confronti del Quirinale. Il Cavaliere tende la mano: si dice d’accordo a proposito dell’intervento del Capo dello stato, Giorgio Napolitano, che chiede interventi mirati nei tagli alla ricerca scientifica.

”Le parole del presidente Napolitano mi sembrano appropriate – spiega – Non bisogna intervenire con il machete ma con prudenza e saggezza”. Messa da parte la ‘pratica’ giustizia, l’attenzione è tutta sulla tenuta del governo. Berlusconi cita i suoi sondaggi che lo vedono ”al 51% dei consensi” e sottolinea che la maggioranza può contare su un rassicurante ”più 23 deputati” sull’opposizione quindi – dice rivolgendosi alla Lega Nord – ”possiamo lavorare non solo sulle leggi amministrative ma anche sulle riforme”. Riconosce che ora ”la maggioranza è numericamente inferiore ma molto più coesa”, cosa che ”consente di lavorare meglio”. Numeri che lo invitano a ragionare con ”serenità” sulle richieste di rimpasto ed ingresso nel governo da parte dei ‘Responsabili’.

5 x 1000

Nessun riferimento diretto alla ‘candidatura’ di Saverio Romano al dicastero dell’Agricoltura ma Berlusconi afferma che ”il rimpasto non è così prossimo”. Al deputato siciliano e al gruppo dei ‘Responsabili’ rinnova però una promessa: ”Dobbiamo aumentare il numero dei sottosegretari – rimarca – Stiamo preparando un disegno di legge ad hoc”