Rubygate, Belen in tribunale: “Se mi chiamano andrò”. Ma ad Arcore “non sono mai stata”

Pubblicato il 4 Aprile 2011 13:13 | Ultimo aggiornamento: 4 Aprile 2011 13:36

MILANO – ”Se mi chiameranno dovrò andare, ma non sono mai stata ad Arcore”: così Belen Rodriguez ha risposto a chi le ha chiesto se andrà a testimoniare al processo Ruby che si apre il 6 aprile a Milano.

Belen ha risposto a margine di una conferenza stampa di presentazione di un programma tv. La showgirl argentina è stata convocata dagli avvocati di Silvio Berlusconi come teste dalla difesa.

”Sono stata chiamata perché Ruby ha fatto il mio nome nelle intercettazioni, ha detto che ero a una festa, ma io non sono mai stata ad Arcore”, ha aggiunto Belen Rodriguez per spiegare come sia finita nell’elenco dei testimoni del processo Ruby.

”E’ stato un equivoco ed è stato dimostrato”, ha sottolineato la showgirl argentina, a margine della presentazione del suo nuovo programma ‘Ciak… si canta!’ che debutta l’8 aprile su Rai 1. ”Se la legge mi chiama andrò a testimoniare ma – ha ribadito – non ci sarà nessuna dichiarazione choc”.

Essere coinvolta nel processo a Berlusconi non la sconvolge più di tanto: ”sono abituata a essere tirata in mezzo”.