Ruby-gate, Berlusconi preme su giustizia, intercettazioni e immunità

Pubblicato il 18 Febbraio 2011 18:13 | Ultimo aggiornamento: 18 Febbraio 2011 20:07

Silvio Berlusconi

ROMA – Raccontano che Silvio Berlusconi abbia fortemente voluto ‘cogliere’ l’attimo, che abbia insistito prendendo di sorpresa persino lo stesso Guardasigilli perché fossero messe insieme in fretta le bozze sulla giustizia che nei mesi scorsi Fli aveva bloccato per portarla oggi ‘fuori sacco’ in consiglio dei ministri e avviare quella che il Pdl definisce in modo solenne ”storica” riforma della giustizia, mentre le opposizioni derubricano a ”messinscena imbarazzante”, ”burla” e ”somma dei desideri del premier”.

Intanto il premier pensa ad allargare i numeri della maggioranza in Parlamento e, subito dopo, riprendere in mano il disegno di legge sulle intercettazioni fermo alla Camera dei deputati, tornando al testo originario, quello precedente agli altolà finiani e centristi. Di fatto il governo accelera sulle tante volte annunciata riforma della giustizia, proprio mentre Fli si sfalda e appena quattro giorni dopo la decisione del gip milanese di processarlo con rito immediato per il ‘Ruby gate’.

”Questa è una riforma basata su principi di civiltà. Dobbiamo fare in fretta, non è più rinviabile”, arringa i ministri il premier prima che Angelino Alfano svolga la sua relazione (approvata all’unanimità) sulla riforma costituzionale che un consiglio dei ministri straordinario varerà non prima di due settimane.

Ancora deve riunirsi infatti il comitato ristretto di ministri ed esperti chiamato a mettere nero su bianco l’articolato: separazione delle carriere di giudici e pm, doppio Csm, responsabilità civile dei magistrati, creazione di un’Alta corte per i procedimenti disciplinari delle ‘toghe’ e, tra l’altro, attribuzione di maggiori poteri al ministro della Giustizia. E nulla toglie – rilevano fonti di maggioranza – che il premier possa far valere come ‘legittimo impedimento’ la sua eventuale partecipazione al comitato suddetto, che nasce in base all’articolo 6 della legge 400 del 1988. Proprio una delle norme citate dalla legge sul legittimo impedimento.

Il premier dunque impone tempi stretti e chiede di far presto non solo sulla riforma costituzionale, ma anche sulle intercettazioni e sull’immunità parlamentare prevista dal vecchio articolo 68 della Costituzione, temi dei quali oggi si è accennato soltanto durante il consiglio. Il segnale è chiaro: il governo è – per usare un latinismo caro al premier – ‘compos sui’, perfettamente in grado di esercitare le sue funzioni e determinato ad andare avanti. E la riforma della giustizia è uno dei punti centrali del programma del 2008 che, ora che è fallito il ‘disegno eversivo’ di Gianfranco Fini e si può andare avanti senza gli altolà di Fli.

Ma per le opposizioni la riforma della giustizia annunciata oggi è soltanto una scatola vuota: una ”messinscena imbarazzante, somma dei desideri del premier” (Anna Finocchiaro, capogruppo senatori Pd); una ”riforma non a favore della giustizia e dei cittadini onesti,ma dei delinquenti” (Antonio Di Pietro, leader Idv); ”provvedimenti che servono solo a Berlusconi e ai suoi processi” (Pier Ferdinando casini, leader Udc); ”una fantomatica riforma per intimidire e controllare la magistratura e ad alimentare lo scontro istituzionale” (Donatella Ferranti, capogruppo in commissione Giustizia alla Camera Pd).

E mentre il leader del Pd Pierluigi Bersani rinnova al premier l’invito di far un passo indietro, il portavoce del Pdl Daniele Capezzone spiega invece che ”si apre la strada a una riforma liberale della giustizia che sarà letteralmente storica, e avvicinerà finalmente l’Italia ai migliori standard delle democrazie occidentali”.