Berlusconi: “Sono pazzi. Per buttarmi giù sacrificano Papa”

Pubblicato il 20 Luglio 2011 19:49 | Ultimo aggiornamento: 20 Luglio 2011 19:52

ROMA, 20 LUG – ”Sono pazzi” e’ tutta una follia, pur di colpire me e buttare giu’ il governo rinnegano principi che dovrebbero difendere nel totale disinteresse per le persone.

Silvio Berlusconi, dopo il voto sulla richiesta di arresto per Alfonso Papa, ha fatto esplodere tutto la sua rabbia e la sua delusione commentando il voto di Montecitorio con diversi ministri e dirigenti del Pdl in una saletta attigua all’Aula.

Il capo del governo si e’ scagliato soprattutto contro Pier Ferdinando Casini (e’ una vergogna, una cosa inaccettabile quello che ha fatto, ha detto) ma anche contro i Radicali e in particolare l’ex radicale Benedetto Della Vedova ora in Fli che a suo dire sono sempre stati garantisti e ora hanno cambiato idea.

Chi era presente all’incontro descrive un Berlusconi amareggiato, sconsolato, ma anche furibondo: vogliono il male delle persone, non gli interessa nulla di cosa senta un individuo e pensano solo ai loro giochi politici e all’obiettivo di buttare giu’ il governo e me, ha detto il premier secondo quanto riferito.

A chi gli faceva notare come il risultato del voto fosse un ”regolamento interno alla Lega” ed in particolare ”l’ultima puntata del regolamento di conti fra Maroni e Reguzzoni”, il Cavaliere avrebbe annuito. In ogni caso, ha aggiunto Berlusconi, cio’ ci conferma che dobbiamo continuare a lottare ed anzi che dobbiamo farlo con maggior vigore.

A quel punto qualcuno gli ha chiesto come il Pdl si doveva comportare nei confronti di Alberto Tedesco sul quale il Senato non si era ancora pronunciato: noi siamo persone perbene e come tali ci comportiamo tenendo fede ai principi in cui crediamo e quindi votiamo sulla base del principio del garantismo.