Berlusconi: “Sono sereno, porteremo a termine la legislatura”

Pubblicato il 15 ottobre 2011 12:55 | Ultimo aggiornamento: 15 ottobre 2011 13:52

ROMA, 15 OTT – ”Sono sereno e determinato: abbiamo i numeri per governare e andremo avanti fino al termine della legislatura”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, in collegamento telefonico con Studio Aperto.

”Hanno tentato un golpe burocratico ma noi siamo rimasti coesi e abbiamo respinto l’assalto”, ha detto il premier.

“Spero che il decreto sviluppo che arrivera’ in Consiglio dei ministri la prossima settimana ”possa contenere davvero misure che stimolino la ripresa e i consumi”, ha poi detto parlando del decreto.

Alla domanda se si aspettasse il risultato di ieri, il Cavaliere ha risposto: ”Sono stato un buon profeta; anche questo agguato della sinistra e’ fallito, noi abbiamo vinto e loro hanno perso. Ma hanno perso proprio male e si sono esposti a una gran brutta figura davanti agli italiani”.

”Bersani, Casini, Di Pietro e Fini – ha aggiunto – hanno sbagliato tutti i calcoli, hanno messo in atto tutti i trucchi del piu’ bieco parlamentarismo e hanno offerto un’immagine del loro modo di intendere la politica davvero grottesca. E bisogna anche dire che questo modo di intendere la politica e’ tutto fuorche’ fare gli interessi degli italiani”.

”Hanno tentato di far cadere il governo con un cavillo di tipo burocratico – ha proseguito il capo del governo -, convinti che non fossimo in grado di avere il numero legale; d’altronde, non avendo idee e politiche valide, hanno fatto ricorso a un trucchetto e tentato, per cosi’ dire, un golpe burocratico. Ma noi siamo stati coesi e abbiamo respinto l’assalto”.

Ad ogni modo, ha concluso Berlusconi, ”penso che gli italiani terranno conto di questo atteggiamento assolutamente negativo della sinistra; un atteggiamento degno di chi cerca di vincere con l’imbroglio, mentre noi abbiamo seguito il principio democratico ottenendo la fiducia del Parlamento per la cinquantunesima volta”.

Insomma, ha concluso, ”questa opposizione e’ allo sbando e credo le servira’ molto tempo per rendersi minimamente credibile come interlocutore” agli occhi degli italiani.