Bersani: “Non vorrei che dopo Berlusconi arrivasse Chavez”

Pubblicato il 6 luglio 2010 13:46 | Ultimo aggiornamento: 6 luglio 2010 14:10

Pier Luigi Bersani

”Non vorrei che dopo Berlusconi arrivasse Chavez. Bisogna ripristinare i concetti basici della democrazia parlamentare che non può andare avanti a fiduce, decreti e telefonate ‘riparatrici’. O il parlamento riprende il suo ruolo o non c’è libertà per nessuno”.

E’ il pericolo ventilato dal segretario del Pd Pier Luigi Bersani che, intervenendo ad un convegno sul welfare, torna a attaccare la decisione del governo di blindare la manovra. Bersani se la prende con il ”conformismo” delle classi dirigenti e con la telefonata di ieri tra il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia ed il premier Silvio Berlusconi.

”Oggi l’Avvenire si chiede – spiega il leader Pd – dove sono i soldi per i disabili dopo che si danno i soldi alle imprese. E’ un buon titolo. La situazione sta degenerando e stiamo al rito della telefonata”. Per Bersani, ”è da due anni che la tecnica è: ‘ti do una botta, se mi dici subito bravo te la tolgo altrimenti rischi un’altra botta’…Questo giochino si fa con i potenti che orientano i giornali, hanno potere economico mentre chi è senza voce deve stare zitto”.

Il segretario del Pd lancia un avvertimento alle classi dirigenti: ”Attenzione, la classe dirigente è tale se non è una corporazione che pensa solo ai suoi problemi”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other