Bersani: “In piazza nessuno attaccherà il Quirinale”

Pubblicato il 11 Marzo 2010 13:20 | Ultimo aggiornamento: 11 Marzo 2010 13:40

Pierluigi Bersani

Pierluigi Bersani critica il presidente del Consiglio e poi assicura che in piazza nessuno attaccherà  con il Quirinale: «Il comportamento di ieri di Berlusconi è inaccettabile» con gli «insulti» ai magistrati, ai prefetti e delle Forze dell’ordine.

«Ieri – ha detto Bersani in un’intervista a Repubblica tv – ho visto un capo popolo, un capolista, non il capo del governo. Esiste una giurisdizione, una legalità, venga rispettata».

Per quanto riguarda il corteo di sabato 13 marzo ha commentato: «Io vado alla manifestazione di sabato con grandissima tranquillità», escludendo attacchi al capo dello Stato Giorno Napolitano. «Questa cosa la escludo. Abbiamo una piattaforma, secondo la quale il governo porta piena responsabilità del decreto. E’ un punto indiscutibile della piattaforma e tutti la rispetteranno»

Il segretario del Pd ha ricordato la propria proposta, e cioé che entrambi gli schieramenti rinuncino ai ricorsi: «Si apra la campagna elettorale per discutere di qualcosa di pertinente alle condizioni di vita e di reddito dei cittadini. Da parte nostra siamo orientati su questo, a parlare di democrazia e lavoro».

«Avrei potuto capire – ha proseguito il segretario del Pd – che uno, riconoscendo i propri errori, avesse posto un problema di pienezza di partecipazione degli elettori, ma per tutte le liste, non solo per una. Invece è stata presa la strada dell’arroganza. Il governo del fare fa le regole da sé, e questo è insuperabile per noi».

E se il Coniglio di Stato darà ragione al Pdl del Lazio? «Rispettiamo i passaggi – ha replicato – vedremo. E poi non ce la siamo mica cercata noi. Non ci si chieda che per errori loro noi si addivenga a stracciare le regole». Bersani ha quindi criticato la conferenza stampa di ieri del premier: «Lui si inventa i fatti, i verbali, le procedure. Ha insultato magistrati, prefetti, forze dell’ordine. Quando il Tar ha dato ragione a Formigoni qualcuno ha sentito noi insultare i giudici? Il comportamento di ieri di Berlusconi è inaccettabile».