Crisi. “Le pensioni non vanno toccate”: Bersani e Bossi d’accordo contro i tagli

Pubblicato il 10 Agosto 2011 10:11 | Ultimo aggiornamento: 10 Agosto 2011 10:21

ROMA – Pier Luigi Bersani, leader del Pd, e Umberto Bossi, leader della Lega Nord, sono d’accordo sul non toccare le pensioni. Gli obiettivi dei tagli che il governo pensa di operare per pareggiare il bilancio entro il 2013 sono infatti pensioni, ticket sanitari, servizi e detrazioni per le famiglie.

Bersani ha dichiarato: “Apprendo di anticipazioni sconcertanti di misure che il governo si appresterebbe a varare. Se pensano di far pagare la manovra alla povera gente, dovranno vedersela con noi”. Il Pd dichiara inoltre la sua apertura ai tagli, che sono necessari, ma che non dovranno colpire solo le famiglie meno abbienti ed il sociale.

Anche il Carroccio si schiera in difesa dei cittadini, con La Padania che titola “Le pensioni dei lavoratori non si toccano” e il senatur  Bossi che dichiara: “Finchè c’è la Lega non si mettono in discussione i diritti della nostra gente. La stabilità non sacrifichi Padania e fasce deboli”.