Bersani: “Monti non si candidi, non si butti nella mischia”

Pubblicato il 21 Novembre 2012 20:53 | Ultimo aggiornamento: 21 Novembre 2012 20:53

Pierluigi Bersani a Monti: “Non si candidi, non si butti nella mischia” (Foto Lapresse)

ROMA – “Monti non si butti nella mischia”, è il consiglio che Pier Luigi Bersani manda al professore. “Se vuole dare una grossa mano in futuro – è il ragionamento – secondo me è meglio che non si candidi alle politiche. La gente vuole una maggioranza politica che riesca saldamente ad affrontare i problemi che abbiamo davanti”. Il segretario Pd dice di voler puntare al milione di preregistrati alle primarie di domenica e aggiunge: “Siamo l’alternativa a Grillo e Berlusconi”.

Il centrosinistra di Bersani non faticherà trovare una sintesi tra Sel e Udc. Questo il sentiero tracciato dal leader democratico: “Siamo quelli che hanno portato l’Italia nell’euro. Il mondo sa, o dovrebbe sapere, che siamo quelli di Ciampi, Padoa Schioppa, Visco e Prodi. L’alternativa a noi sono Berlusconi e Grillo”.

Poi ancora una critica al governo dei professori. ‘‘Su esodati e scuola non ci piace come si è mosso e cercheremo di correggere il tiro”. ”Tutti i santi giorni mi chiedono il tasso di montismo ma noi siamo sempre gli stessi, siamo per la lealtà – ha aggiunto – Finché non è chiusa definitivamente la questione degli esodati, per noi la riforma delle pensioni non è chiusa”.

E poi ”non ci piace che ogni sei mesi si dà uno schiaffone alla scuola: noi in futuro avremo più bisogno, non meno bisogno della scuola- ha aggiunto – Oggi la nuova generazione sarà bombardata da informazioni, ma le informazioni non sono conoscenza, solo gli insegnanti possono darti gli strumenti per mettere in ordine le informazioni che ci arrivano”.

Intanto torna il sereno con Pierferdinando Casini, nonostante le polemiche sulla legge elettorale. Il leader Udc manda un incoraggiamento al democratico: “Mi raccomando, vedi di farcela al primo turno”.