Berlusconi e Noemi/ Giuliano Ferrara “sogna” le risposte: “Non importa, non ricordo, dico bugie innocenti, sì, embè? Non sono fidanzato…”

Pubblicato il 25 maggio 2009 13:00 | Ultimo aggiornamento: 25 maggio 2009 13:59

Ha detto che prima o poi dirà la «verità vera». Insomma che a suo modo, volontà e valutazione, risponderà alle domande su Noemi e dintorni. Ma come risponderà, cosa Berlusconi risponderà? Giuliano Ferrara «ha fatto un sogno» e lo ha pubblicato su Il Foglio. Sogno non del tutto lontano dalla realtà, visto che Ferrara e il suo giornale sono stati spesso consiglieri e ventriloquo di Berlusconi stesso. Ecco allora il sogno e le risposte.

Prima domanda: Quando ha conosciuto il padre di Noemi?

Prima risposta: «Non ha importanza».

Seconda domanda: Quante volte vi siete incontrati e dove?

Seconda risposta: «Non ricordo e non è così importante».

Terza domanda: Che tipo di amicizia c’è con Benedetto Letizia?

Terza risposta: «Una domanda da corpo di polizia borbonico».

Quarta domanda: Perché ha discusso delle candidature con Letizia, che non è nemmeno iscritto al Pdl?

Quarta risposta: «È una bugia bianca, una delle tante che vi ho detto per essere lasciato in pace. Bugie senza peso e malizia (l’autista di Craxi, le candidature, la decisione all’ultimo momento di andare a Casoria). Il popolo mi capisce al volo e anche il mio confessore mi capisce».

Quinta domanda: Quando ha conosciuto Noemi?

Quinta risposta: «Qualche anno fa, non ricordo la data precisa».

Sesta domanda: Quando e dove vi siete incontrati?

Sesta risposta: «Ma che importanza ha? Mi piace circondarmi di belle ragazze, sono un nonnetto frivolo, un paparino scherzoso, che male c’è?».

Settima domanda: Si occupa di Noemi e del suo futuro, sostiene economicamente la sua famiglia?

Settima risposta: «Sì, perché, è vietato? O volete insinuare che mi sono comprato una famiglia per il mio piacere? Ma siete scemi?».

Ottava domanda: Ha promesso a Noemi di favorire la sua carriera nello spettacolo o in politica?

Ottava risposta: «Sì, embè?».

Nona domanda: Frequenta minorenni, ce ne sono altre?

Nona risposta: «È una frase ambigua di mia moglie, non chiedo il certificato anagrafico se canto ad una festa con un coro di ragazze. Altre minorenni tra la mie frequentazioni? Non mi risultano, ma potrebbe essere. Perché? È proibito?».

Decima domanda: Sua moglie ha detto che lei non sta bene.

Decima risposta: «Una moglie attribuisce le mattane del marito a una malattia? Non è la prima volta… Fatemi la domanda giusta, l’undicesima, chiedetemi se sono fidanzato segretamente con Noemi. La risposta è No».

Riepiloghiamo, se Ferrara sogna giusto, ad occhi ed orecchie aperte, le risposte che Berlusconi pensa e forse darà sono: «Non ha importanza, non ricordo, dico bugie bianche, il popolo è con me, che male c’è, sì, embè? Perchè?, È proibito?”. Più l’undicesima: «Non sono fidanzato».