Inchiesta P4, Bisignani spiega al pm Woodcock: “Così usai i soldi della tangente Enimont”.

Pubblicato il 1 Aprile 2011 20:01 | Ultimo aggiornamento: 1 Aprile 2011 20:11

ROMA – L’ex giornalista Luigi Bisignani ha parlato al pm di Napoli Henry John Woodcock, che si sta occupando dell’inchiesta sulla cosiddetta P4: Bisignani ha spiegato come impiego’ i circa ”4 miliardi” di lire ottenuti dai Ferruzzi e per i quali venne condannato per appropriazione indebita nell’ambito dell’inchiesta sulla maxi-tangente Enimont. Ovvero, la madre di tutte le tangenti: ”Un miliardo e mezzo lo utilizzai nel 1991 per acquistare le case dal Salini e gli altri 3 miliardi circa furono quelli dell’operazione ‘Codepamo’ che io, tramite la Tucci (la commercialista Stefania Tucci, ndr), volevo far rientrare dall’estero”.

L’interrogatorio, svoltosi lunedi’ 28 marzo scorso e secretato dai magistrati che coordinano l’inchiesta sulla cosiddetta P4, in cui Bisignani e’ uno degli indagati, e’ stato acquisito dai pm titolari di un altro procedimento in cui sia la Tucci (ex moglie dell’ex ministro Gianni De Michelis), sia Bisignani, risultano indagati per riciclaggio. Ieri e’ stato depositato.

Bisignani comincia con il parlare delle sue proprieta’ immobiliari, in p: articolare di ”4 case di via Trionfale”, a Roma, che ”sono state acquistate nel corso del 1991 senza che il rogito venisse perfezionato perche’ nel frattempo vi fu la vicenda Enimont; voglio dire che tali case vennero in parte da me acquistate con i CCT (del valore di un miliardo e mezzo) datimi dalla famiglia Ferruzzi, a mio avviso, per l’attivita’ da me svolta in Ferruzzi, ma che tuttavia sono stati oggetto di un processo che mi ha visto condannato con sentenza passata in giudicato per appropriazione indebita”.

”Saro’ piu’ preciso”, dice Bisignani al pm. ”Nel 1991 diedi un anticipo al venditore Simone Salini e poi, una volta conclusa la vicenda Enimont, nel 1996 versai il saldo allo stesso Salini; mi riservo di comunicarvi gli importi precisi. Credo che i Ferruzzi mi liquidarono tre o quattro miliardi di buona uscita. Non ricordo se pagai le tasse su tale buona uscita. Insomma nel 1996 fu formalmente perfezionata la compravendita gia’ in realta’ sostanzialmente conclusa molto prima”.

Quell’anno, ha spiegato Bisignani, ”ho acquistato il cpaitale della ‘Antey’ dei Salini che aveva la proprieta’ dei menzionati quattro immobili”. Riguardo ai suoi ”rapporti di amicizia” con la commercialista Tucci, Bisignani ha detto che sono cominciati ”nel 1999-2000”: ”nel 2001 io avevo la necessita’ di far rientrare alcuni capitali dall’estero e siccome ci fu lo scudo fiscale la Tucci mi propose una operazione che doveva passare attraverso la societa’ Codepamo”.