Da Bocchino tre proposte per il Pdl: “Coordinatore unico, sviluppo economico e assemblea costituente. Con Casini”

Pubblicato il 12 luglio 2010 9:03 | Ultimo aggiornamento: 12 luglio 2010 9:05
italo bocchino

Italo Bocchino

Adesso che ”tutte le strade sono state percorse, dall’una e dall’altra parte”, adesso che i tentativi di Berlusconi di sconfiggere l’alleato ”sono falliti” e quelli di Fini per ”dimostrare che ci siamo e contiamo” hanno raggiunto il loro scopo, e’ il momento di ”rilanciare un nuovo grande patto di legislatura tra i due leader del Pdl”.

E’ quanto propone in un colloquio con il Corriere della Sera, Italo Bocchino, che lancia  tre proposte per rilanciare il partito. Primo: nel Pdl ”si passi a una nuova fase con un coordinatore unico tale da rappresentare sia Berlusconi sia Fini e rilanciare il partito”; secondo: ”l’economia che non può essere demandata solo alla tenuta dei conti, che pure Tremonti assicura al meglio. Manca una prospettiva di sviluppo, e a Palazzo Chigi manca una cabina di regia”; terzo le riforme per le quali Bocchino propone di lanciare una ”assemblea costituente”.

Potrebbe essere quella la sede per ”allargare la maggioranza all’Udc – osserva – perché su quel terreno Casini sarebbe con noi, mentre sostituire Fini non potrebbe: la Lega ha gia’ annunciato che non ci sta, l’Udc è sulle nostre posizioni”. ”Paradossalmente – aggiunge – è più facile che Casini possa sostituire la Lega con la quale è incompatibile che non noi: non dimentichiamoci che siamo tutti nel Ppe”.