Caso Boffo, Santanchè: “Cancellare Ordine dei giornalisti, solidarietà a Feltri”

Pubblicato il 26 marzo 2010 21:05 | Ultimo aggiornamento: 26 marzo 2010 21:05

«Esprimo tutta la mia solidarietà a Vittorio Feltri vittima di una sentenza dell’ordine dei giornalisti lombardo con la quale si tenta di zittire la voce più libera del giornalismo italiano».

Daniela Santanchè, sottosegretario all’attuazione del programma, interviene a sostegno del direttore de ‘Il Giornale’ sospeso per gli articoli sul caso Boffo, per le accuse a Gianfranco Fini, riportati sul suo quotidiano e per aver consentito a Renato Farina di continuare a firmare articoli dopo la sua radiazione dall’albo.

«La casta di sinistra che governa il giornalismo italiano ha perso qualsiasi residua credibilità – aggiunge – Questi signori usano la libertà di stampa e l’indipendenza dell’informazione unicamente come arma al servizio di una precisa parte politica».

«Sono certa che Feltri non si farà intimidire da questa assurda sentenza e che continuerà a scrivere in libertà rispondendo del suo operato unicamente ai propri lettori così come prevede la Costituzione che fino a prova contraria conto più dei probiviri di un ordine professionale che non ha più senso di esiste».

Ma vorrebbe cancellazione dell’ordine dei giornalisti? «Sì – risponde la Santanchè – Auspico la sua abolizione».