Laura Boldrini: “Sciogliere i movimenti neofascisti”. Berlusconi: “Il pericolo è l’antifascismo dei centri sociali”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 febbraio 2018 8:54 | Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2018 8:54
Antifascismo, duello Boldrini-Berlusconi

Laura Boldrini: “Sciogliere i movimenti neofascisti”. Berlusconi: “Il pericolo è l’antifascismo dei centri sociali”

ROMA – “Tutti i gruppi che si ispirano ai neofascisti vanno sciolti”. Lo ha detto il presidente della camera Laura Boldrini davanti al murales antifascista realizzato a Niguarda, quartiere di Milano ‘fucina’ antifascista del capoluogo lombardo.

“Noi dobbiamo dirlo con forza – ha detto il presidente della Camera Laura Boldrini – i gruppi che si rifanno a una ideologia fascista vanno sciolti. Non c’è spazio per loro in democrazia”.

A distanza, era ospite da Fabio Fazio su Rai1, Berlusconi sposa la tesi opposta: “Il fascismo è morto e sepolto. Il caso di Macerata è stato il gesto di un singolo fuori di testa che ha agito per conto suo. Mentre invece c’è questo movimento dell’antifascismo che a Piacenza ha picchiato un esponente delle forze dell’ordine: è un movimento pericoloso che viene dai centri sociali ed ha un programma di iniziative inaccettabile”.

Per poi aggiungere: “I fascisti sono morti ma ricordo che fascismo e nazismo sono arrivati come movimenti socialisti”. E poi “Senza un Mussolini o un Hitler non succede niente…”.

Il richiamo della presidente Boldrini ha anche una carica simbolica. Non a caso è partito dal quartiere Niguarda di Milano, luogo caro ai partigiani visto che proprio da quelle vie prese le mosse, nell’aprile del ’45, la battaglia di Liberazione contro il nazifascismo. Il pericolo corre poi anche sul web, infatti “basta farsi un giro su Internet per scoprire che ci sono decine di pagine dichiaratamente fasciste e naziste”.