Bonanni: “Esodati? Usiamo i 140 mld risparmiati con la riforma delle pensioni”

Pubblicato il 13 Giugno 2012 12:23 | Ultimo aggiornamento: 13 Giugno 2012 13:15

CATANIA – ”La riforma previdenziale ha prodotto ben 140 miliardi di risparmi per i prossimi dieci anni, una piccolissima parte di questi puo’ ben sostenere gente che oggi non e’ ne’ pensionata ne’ lavoratore”. E’ l’ipotesi sugli ‘esodati’ avanzata dal segretario della Cisl, Raffaele Bonanni. ”Sono sei mesi – ricorda il sindacalista – che ripetiamo che la condizione e’ drammatica perche’ l’incaponimento di voler discutere con nessuno ha portato a strafalcioni davvero imperdonabili”.

”Noi stiamo lavorando con la commissione parlamentare – chiosa Bonanni – che ha aderito completamente alle richieste sindacali per aprire in Parlamento una discussione e anche con lo stesso governo per trovare soluzioni”.

Sui numeri degli esodati il leader della Cisl, Raffaele Bonanni, si dice ”indignato per la situazione”, e ipotizzando che ”si voglia creare confusione” invita il governo a ”prendersi la paternita’ degli errori” evitando di ”fare lo scaricabarile nei confronti di un istituto che non fa’ altro che quello che dice” l’esecutivo. ”I dati li possiede il ministero del lavoro – spiega Bonanni a Catania – perche’ tutti i dati li’ pervengono degli accordi tra le parti per gli esodati e quindi non capisco queste polemiche”.

”Noi, intanto, sabato siamo ad una iniziativa importantissima a piazza del Popolo per chiedere uno sviluppo piu’ sostenuto, una politica fiscale giusta, perche’ oggi e’ ingiusta, e per chiedere che il Paese si rimetta in piedi”. Lo ha affermato il segretario della Cisl, Raffaele Bonanni, rispondendo a Catania a una domanda dei giornalisti sull’esistenza di un’ipotesi di sciopero generale se la situazione dovesse peggiorare.