Boschi padre indagato, giallo audizione. Procuratore Rossi: “Mai negato”. M5s Sibilia: “Mente, pubblichiamo l’audio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 dicembre 2017 9:58 | Ultimo aggiornamento: 5 dicembre 2017 9:58
pierluigi-boschi

Pier Luigi Boschi in una foto di repertorio Ansa)

ROMA – Il caso Banca Etruria tiene banco dopo l’ultima audizione alla Camera: da una parte c’è il procuratore di Arezzo Roberto Rossi, che sostanzialmente parla di domande mal poste sulle vicende del padre di Maria Elena Boschi, dall’altro ci sono i partiti all’opposizone (M5s in primis) che invece parlano di omissioni di Rossi durante l’audizione e chiedono che la registrazione venga desecretata. In mezzo, Boschi figlia che porta in tribunale Ferruccio De Bortoli per i suoi retroscena sul caso della banca in cui il padre sedeva in consiglio di amministrazione. L’unica cosa certa sembra essere che Pier Luigi Boschi è tra gli indagati.

Il padre della sottosegretaria Maria Elena è finito in un nuovo filone di indagine sulla banca aretina assieme a tutti i componenti del cda in carica dal 2011 al 2014. E sulla figlia, ex ministro ed ora sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, si abbatte di nuovo la bufera politica con M5s e Lega che fanno asse tornando a chiedere le sue dimissioni. “Qualcuno usa questa vicenda da due anni per attaccare me e il PD” si difende la sottosegretaria che si lamenta: “Cchi ha sbagliato ad Arezzo ha pagato e pagherà. Noi siamo interessati agli atti, non alle strumentalizzazioni”.

Ma non è solo la famiglia Boschi a finire nel mirino delle polemiche: anzi, è soprattutto il procuratore di Arezzo, Roberto Rossi, ascoltato dalla Commissione di inchiesta sulle banche lo scorso giovedì è ora accusato di aver omesso la notizia che riguardava questo nuovo filone di indagine che prende spunto dalla trasmissione alla procura da parte di Consob degli atti relativi all’annullamento del prospetto di due emissioni e delle relative sanzioni a carico dell’intero cda. Il nuovo fascicolo aperto dalla procura di Arezzo riguarderebbe infatti la vendita di obbligazioni considerate rischiose ai clienti retail che non avrebbero avuto il profilo per acquisirle.

“Tutto quello che avevo da dire l’ho detto in commissione giovedì scorso” si difende il procuratore Rossi. E a riprova della sua tesi invia una lettera al presidente della bicamerale, Pierferdinando Casini, in cui riporta la trascrizione della sua audizione. Nella lettera Rossi ricorda di aver risposto sulla posizione di Pier Luigi Boschi precisando che non è tra gli ex del cda Etruria rinviati a giudizio, ma di aver annuito quando gli è stato chiesto se lui e altri potrebbero essere indagati. “Come si evince da questa breve ricostruzione, non ho nascosto nulla circa la posizione del consigliere Pierluigi Boschi. Ho anzi chiarito e ribadito che la Sua esclusione riguardava il processo per bancarotta attualmente in corso, mentre per gli altri procedimenti, a domanda, ho precisato che non essere imputati non significava non essere indagati. Null’altro mi è stato chiesto in merito” precisa Rossi che a proposito delle domande sul reato di falso in prospetto, ipotizzato nel nuovo fascicolo, chiarisce: “ho chiesto la secretazione dell’audizione in quanto vi sono in corso indagini preliminari sul punto. Le domande in merito hanno riguardato i fatti oggetto di indagine e non, in alcun modo, le persone iscritte nel registro degli indagati. Ho chiarito i punti che mi venivano sollecitati riferendomi ovviamente allo stato delle indagini in corso”. In parole povere, il procuratore parla di domande mal poste.

“Mente” contrattata uno dei componenti della Commissione, il 5 Stelle Carlo Sibilia che chiede quindi la “desecretazione dell’audizione. Lui – spiega – ha precisa domanda ha parlato di un solo componente del Cda coinvolto nell’indagine, non di tutto l’organismo”.

Questo uno stralcio dell’intervista che Sibilia ha rilasciato a Huffington Post:

lei ha chiesto espressamente se il padre del sottosegretario Boschi fosse indagato per falso in prospetto?

“Certo, io ho fatto una domanda sull’intero Cda. Ogni volta che ho nominato il padre della Boschi sono stato fischiato dai renziani del Pd. La mia domanda era su tutto il Cda, di cui Boschi è stato prima consigliere e poi vicepresidente, mi sembra tutto molto chiaro. Ho fatto una raffica di domande sul padre della Boschi”.

Può essere più preciso?

“Rossi ha detto che un solo dirigente ha redatto quel prospetto e che non si può parlare di Cda coinvolto. Per esattezza, ricordo bene le parole, Rossi ha detto che la Consob ha denunciato il falso in prospetto sull’emissione obbligazionaria relativa all’aumento di capitale del 2013. Così io ho chiesto chi avesse autorizzato l’aumento di capitale. La risposta è stata: ‘Lo ha approvato un solo dirigente’. Ma Rossi non ha parlato di indagati. L’ha fatto troppo grossa”.

Rossi si dice comunque a disposizione della Commissione per altri chiarimenti e il senatore renziano Andrea Marcucci, componente della Commissione, conferma che chiederà a Casini di rinconvocarlo. E lo stesso Casini si dichiara disponibile a farlo anche se, precisa, “la lettera di Rossi chiarisce quello che avevo bisogno di chiarire”.

Boschi intanto annuncia anche il ricorso alle vie giudiziarie. “Ho firmato oggi il mandato per l’azione civile di risarcimento danni nei confronti del dottor Ferruccio de Bortoli. A breve procederò anche nei confronti di altri giornalisti” dice annunciando che per lei la misura è colma: “non l’ho mai fatto” ma a questo punto è “necessario che sulla verità dei fatti si pronunci un tribunale in nome della legge. Perché la legge è uguale per tutti, davvero”.