Bossi: “Fini dovrebbe dimettersi”

Pubblicato il 18 agosto 2010 20:26 | Ultimo aggiornamento: 18 agosto 2010 20:45

Umberto Bossi

”Fini dovrebbe dimettersi”: ne è convinto Umberto Bossi, che lo ha affermato in serata a Calalzo di Cadore (Belluno). ”Io fossi stato in lui mi sarei dimesso, ha detto il leader della Lega. Se vieni eletto e la maggioranza che ti ha eletto non ti vuole più, che fai? Ti dimetti”, ha concluso.

”Non temo le elezioni, temo di più tre anni di paralisi”, ha detto Bossi sulla prospettiva di un voto imminente. L’esponente leghista ha però precisato: ”non decido io la data delle elezioni: sono solo uno di quelli che andrà dal presidente della Repubblica e gli dirà che, piuttosto che vivacchiare, è meglio andare alle urne”. ”E comunque – ha ribadito – i voti della Lega non sono a disposizione per un governo tecnico”.

Per quanto riguarda le rivelzioni dopo la morte del presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga, per il leader del Carroccio ”sui segreti di Cossiga è meglio non indagare”. Bossi ha poi sottolineato che ”Cossiga ha passato tutta la vita a ficcarsi nelle cose, ma io non sono curioso, ha detto rispondendo riguardo alle lettere segrete, è meglio non avere quelle curiosità li”’.

”Era un uomo cui piaceva navigare nel mare mosso, ha aggiunto, anzi, un uomo da mare mosso e, se non era mosso, si metteva a soffiare lui”. Bossi ha poi detto che Cossiga ”tutte le volte che c’era un segreto voleva prendere la parola in Senato.’Diceva anche che Maroni non era degno di fare il ministro degli Interni perché mi avrebbe tradito quando ero malato, ha proseguito. Io lo fermai e gli dissi di non dire queste cose: primo perché non sono vere, secondo perché creano solo casini. Infatti mi diede retta e non le disse”.