Bossi rispolvera la canottiera: quando il Senatur indossa la sua “tenuta di combattimento” sono guai

Pubblicato il 15 luglio 2010 11:32 | Ultimo aggiornamento: 15 luglio 2010 11:32

Umberto Bossi non finisce di stupire e pochi giorni fa, in via Bellerio, ha tenuto un “tavolo tecnico” sui costi standard del federalismo in canotta.

Quando il Senatur indossa la “tenuta da combattimento”, significa che il gioco non gli piace più e che sta perdendo il comando delle operazioni come 15 anni fa, quando ci fu lo storico incontro in Sardegna con Berlusconi nell’estate del ’94.

Qualche mese dopo quell’incontro ci fu il ribaltone: Forza Italia e An in minoranza e Dini a Palazzo Chigi, sostenuto esternamente dal Carroccio. All’epoca Bossi era alla ricerca del pretesto per farla pagare al Cavaliere, colpevole di avergli portato via parecchi voti al Nord. Ora non c’è questo pericolo; c’è tuttavia il rischio che il Carroccio, il suo gioiello più caro, sia contagiato dal correntismo tipico dei partiti romani.

Il correntone all’interno della Lega sta in Parlamento e si appresta a scalare posizioni all’interno della Lega. In particolare l’attenzione è puntata su Marco Reguzzoni, presidente della truppa padana a Montecitorio, che si trova di fatto in minoranza all’interno del suo gruppo. Al momento della nomina parecchi colleghi avrebbero preferito un altro nome. In più il carattere non facile dell’ex presidente della provincia di Varese ha aggravato la situazione. Una bella grana per il Senatur anche perché alla Camera il presidente è quel Gianfranco Fini che sta lavorando per logorare anche l’asse fra Berlusconi e il leader padano.

In questi ultimi giorni i rappresentanti di questa corrente, opposta ai ministri Maroni e Calderoli, non si sono mossi. Hanno fermato la loro attività. Forse per paura di fare passi falsi, forse per riorganizzare la strategia. Di certo Bossi non può stare fermo. Deve intervenire per ripristinare l’ordine e la disciplina all’interno dell’ultimo movimento leninista rimasto in Italia dove la democrazia interna non esiste. A dare la linea e a scegliere gli uomini è Bossi.

I “vecchi” colonnelli hanno acquisito un peso fuori dal Carroccio talmente grande che il cenno del “capo” non risolve più tutte le rogne. A Montecitorio dunque è già partito il toto-nomine fra i deputati sul nome del nuovo capogruppo. In realtà non ci sono tanti misteri: la maggioranza dei parlamentari aveva votato per il bergamasco Giacomo Stucchi. Bisogna vedere se il Senatur rispetterà il voto “popolare” per riportare la calma in Aula.

La canotta allora, per lanciare un messaggio prima a se stesso che ai suoi. Bossi l’aveva sfoggiata pure l’anno scorso, durante il suo tradizionale buen retiro di Ponte di Legno. Anche allora si parlava dell’ingresso dell’Udc in maggioranza – il sempreverde tormentone estivo -, anche allora il segretario dei padani aveva risposto con un bel «no» a Casini. Dalla montagna aveva lanciato la lunga campagna elettorale, che l’ha portato a conquistare Veneto e Piemonte, e a incassare i primi decreti sul federalismo fiscale. La battaglia però non è finita. «La canotta è una metafora. La Lega è diventata un partito forte», diceva ricordando l’incontro di 16 anni fa: «La canotta ha anticipato lo sviluppo che la Lega avrebbe avuto». Ora la rimette per non perdere pezzi.