“Brunetta, qui non entri”. A Napoli cartelli, maglietta e statuetta anti-ministro

Pubblicato il 14 Settembre 2010 18:22 | Ultimo aggiornamento: 14 Settembre 2010 18:25

Il cartello anti-Brunetta affisso alla pizzeria Sorbillo a Napoli

Quel “Napoli, Caserta e la Calabria? Un cancro per l’Italia” proprio non è piaciuto al Sud. Ora il ministro Renato Brunetta si è guadagnato il cartello “Qui non entri”.

A Napoli la pizzeria Sorbillo in testa, seguita da altri negozi ha affisso il cartello alla porta: “Dopo i leghisti in questo locale non è ben accetto neanche il ministro Brunetta, noto nemico di Napoli e del Sud”. E non solo, il capo della pubblica amministrazione si è aggiudicato anche la statua da presepe con tanto di pizza in mano, realizzata appositamente dal Maestro.

Manifesto anti-ministro a parte il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ha organizzato una manifestazione per mercoledì 15 settembre alle 11: l’appuntamento è davanti alla pizzeria Sorbillo, con tanto di maglietta ad hoc.

“Da napoletano solitamente molto critico nei confronti degli stessi napoletani non so come si possa pensare che Brunetta abbia solo sbagliato nei torni. La sua non mi pare sia stata un’analisi utile. Riteniamo che ci sia stato fatto un insulto da parte di un personaggio che, a questo punto, non dovrebbe fare il ministro. Con tutti i problemi che abbiamo, qui non è che qualcuno vuole difendere la napoletanità in quanto tale, ma chiediamo almeno il rispetto. Se uno vuole criticare, che almeno proponga le soluzioni. Perché noi, fino a ora, le soluzioni da parte di Brunetta e dei leghisti non le abbiamo mai avute. Parteciperanno numerose associazioni meridionaliste e vari gruppi organizzati per raccogliere le firme e chiedere le dimissioni del Ministro Brunetta. Lanceremo anche un provocazione molto forte distribuendo delle magliette promosse da Napolimania e dal suo creatore Enrico Durazzo”, ha detto Borrelli.