Brunetta: “Il Sud? Basta fare gli struzzi, la situazione è insopportabile”

Pubblicato il 12 Settembre 2010 15:29 | Ultimo aggiornamento: 12 Settembre 2010 15:29

Il ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, torna sulla polemica scatenata dalle sue stesse parole quando ha dichiarato che senza l’inurbazione Napoli-Caserta e la Calabria, l’Italia sarebbe uno dei primi paesi in Europa. ”Chiunque non sia ipocrita – dice intervenendo a ‘Il Brunetta della domenica’ su Rtl – può dirmi se c’è da dissentire su questa affermazione. Occorre far convergere tutte le parti del sud e del resto d’Italia che ha enclave non virtuose con il resto del paese. E in questo senso il federalismo è una grande opportunità”.

Ai tanti struzzi dico: andate a studiare, guardate i danni prodotti dalle classi dirigenti del sud – ha proseguito il ministro – Ieri mi sono divertito a sentire le polemiche di alcuni esponenti di sinistra più o meno ignoranti. Ma io ho scritto due libri sul sud. Andateveli a leggere”. Replicando agli sms degli ascoltatori della trasmissione Brunetta aggiunge: ”Napoli è una città bellissima, con gente straordinaria, ma vediamo come è ridotta. Perché c’è tanta ipocrisia? Bisogna cambiare e questo è quello che cerco di fare con la mia attività di economista, ricercatore e ministro. Offende il sud – si chiede – chi si impegna o chi ha galleggiato in questa situazione insopportabile”.

Infine il ministro ribadisce ”Napoli e la Calabria sono terre bellissime, peccato che ci sia questa organizzazione terribile e questa considerazione la facciamo tutti. Ho scritto un libro, si intitola Sud. Leggetelo, darò i maggior ricavi in beneficenza”.