Cacciari su Pd e Udc fa il mago:”L’alleanza è nel destino del partito democratico”

Pubblicato il 28 agosto 2009 11:39 | Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2009 11:39

Secondo Massimo Cacciari, nel destino del Pd c’è l’alleanza con l’Udc. “Credo che il Pd debba essere sempre più la forza centrale negli equilibri della politica italiana – afferma il sindaco di Venezia in un’intervista alla Nuova Venezia – Centrale non vuol dire centrista. Ma comunque all’orizzonte c’è un legame sempre più solido con l’Udc. Questo è il destino, e come dicevano gli antichi è meglio seguire il destino volentieri che in catene”. Secondo Cacciari, che non si ricandiderà a sindaco di
Venezia, le condizioni per vincere alle elezioni comunali sono “facce nuove, primarie, accordo sul programma, alleanza con
l’Udc e le liste civiche e un Pd radicato fra la gente”. “Solo così – spiega – potremo vincere in Comune e creare in Regione
le condizioni per cominciare a cessare di perdere”.
Proprio in vista delle Regionali, l’ex sindaco Paolo Costa ha proposto un’alleanza con l’attuale presidente Giancarlo Galan:
“E’ una proposta logica dal suo punto di vista – commenta Cacciari – Perché il personaggio su certe scelte fondamentali
è sempre stato alleato con il centrodestra e Galan. E’ un dato di fatto, non una polemica. Altro discorso sarebbe se ci fosse
una clamorosa rottura tra Galan e la Lega e Galan corresse con una lista sua, in polemica anche con una parte del Pdl. A quel
punto il Pd non potrebbe stare a guardare”. Ma è credibile uno scenario del genere?: “Meno di zero”, sostiene Cacciari, che esclude di tornare in campo, magari all’ultimo, per un nuovo mandato a sindaco di Venezia: “Stavolta ho chiuso, mi ritiro. Torno a scrivere e a occuparmi dei miei libri. Delle cose veneziane non mi interesserò. Certo sono diasponibile per dire la mia idea sulla politica”.