Calderoli: “Volevamo tagliare le tasse ma Napolitano…”

Pubblicato il 2 Maggio 2012 19:42 | Ultimo aggiornamento: 2 Maggio 2012 19:49

ROMA, 2 MAG – ”E’ veramente difficile poterle toccare perche’ tutte le volte ci tentavamo (e Tremonti mi ha sempre seguito su questa strada), poi ci arrivava la telefonatina solitamente da altri ‘colli’ che ti avvisavano: ‘Questo e’ bene lasciarlo fare, quell’altro non si puo’ ‘. Si dovrebbe andar giu’ con il machete”.

Lo afferma Roberto Calderoli ai microfoni del Tg4 rispondendo ad una domanda sulla difficolta’ di tagliare le tasse. ”Pressione fiscale al massimo e debito e deficit non scendono. Qualcosa non torna”.

”La gente vede una pressione fiscale al massimo mentre il debito pubblico e il deficit che non scendono – conclude – C’e’ qualcosa che non torna: entrano piu’ soldi e ne spendono ancora di piu’ ”

”La casa – spiega poi Calderoli parlando di Imu – e’ diritto costituzionalmente riconosciuto, non da’ reddito e quindi non si vede perche’ uno debba pagare una tassa sulla prima casa. Infatti, noi l’aveva abolita”.