Camera: 32 milioni ai gruppi parlamentari. Bilanci di Pd, M5S, Forza Italia, Sel…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Luglio 2014 19:25 | Ultimo aggiornamento: 11 Luglio 2014 19:32
Camera: 32 milioni ai gruppi parlamentari. Bilanci di Pd, M5S, Forza Italia, Sel...

La Camera dei Deputati (Ansa)

ROMA – La Camera ha pubblicato per la prima volta i bilanci dei gruppi parlamentari, che in un anno costano 32 milioni di euro. La fetta più grossa finisce al Pd, che nel 2o13 ha incassato 13 milioni di euro: 11,4 dal contributo della Camera, 1,6 da “altri proventi”. Hanno registrato un avanzo di bilancio di 4 milioni, avendo speso meno di 9 milioni. Fra i costi, 7,9 milioni per i 124 dipendenti che devono seguire i 293 parlamentari.

Il gruppo più virtuoso è quello del Movimento 5 Stelle, che ha incassato 3,8 milioni di euro ma è riuscito a ottenere un avanzo di 1,75 milioni. Dei 2,05 milioni di spesi, la grandissima parte è stata per i 32 dipendenti, 1,55 milioni, che hanno aiutato il lavoro dei 109 parlamentari. Per il resto, meno di 5 mila euro sono stati spesi per la cancelleria, e 16 mila euro per editoria, comunicazione, posta e trasporti.

Forza Italia invece, pur incassando un contributo pressapoco uguale a quello degli M5S, è riuscita a mettere da parte solo 175 mila euro. L’81,75% dei fondi, 2,88 milioni, sono stati spesi per i dipendenti. In servizi, quasi tutti sondaggi, sono fini 167 mila euro. Per collaborazioni e consulenze 330 mila.

Sel ha preso 1,44 milioni di euro di contributo dalla Camera, ottenendo un avanzo di 151 mila euro. Fra le voci di spesa, segnala l’Agenzia Public Policy, 100 euro per comprare delle bandiere della pace, 1.226 di biglietti natalizi di Emergency e 183 euro di abbonamenti a riviste e pubblicazioni. Per i 20 dipendenti sono stati spesi 840 mila euro. Per la comunicazione 41 mila e 32 mila per il sito web.

Scelta Civica ha messo da parte 580mila euro su 1,82 milioni incassati, Fratelli d’Italia 119mila su 362mila euro.

La Lega Nord ha risparmiato 364mila euro sugli 804 mila presi (ma aveva un residuo attivo di 400 mila euro dalla precedente legislatura). Fra le curiosità nel bilancio dei leghisti, i 32 euro impiegati in “spese postali”. Per il resto, 500 mila euro sono stati spesi per gli 11 dipendenti e 231 mila euro in collaborazioni.

Ncd, che si è costituito come gruppo parlamentare il 18 novembre scorso, ha registrato un avanzo di 113 mila euro, spendendo 35 mila euro per i suoi 12 dipendenti e 298 euro in “spese di rappresentanza”.

Per il resto delle cifre riguardanti le spese della Camera, un prospetto completo si trova su Repubblica, in un articolo di Giuliano Balestrieri e Raffaele Ricciardi.