Camusso: "Con le nuove regole neanche un posto di lavoro"

Pubblicato il 6 Marzo 2012 22:06 | Ultimo aggiornamento: 6 Marzo 2012 22:46

ROMA, 6 MAR – Le nuove regole sul mercato del lavoro che sono al centro della trattativa tra governo e sindacati ''non creano un posto di lavoro che sia uno''. Lo sostiene la segretaria generale della Cgil Susanna Camusso intervenendo a Ballaro'.

''Non ci si domanda come si crea lavoro – dice Camusso rivolgendosi al vice ministro all'Economia Vittorio Grilli – si continua a tagliare. C'e' un'idea che ha portato dove e' arrivata la Grecia: solo far tornare i conti, ma il conto alla fine lo hanno pagato sempre gli stessi, i lavoratori con le loro pensioni''.

Ribatte Grilli: ''Non sono d'accordo anzi ci stiamo focalizzando su come far ripartire la crescita ma prima dobbiamo creare i fondamentali per far tornare gli investimenti. Italia su Italia non esiste piu'. L'unico modo e' rendere competitiva l'economia del paese''.

La parola torna alla Camusso: ''In altri paesi non hanno tagliato cosi' i redditi dei lavoratori. I redditi degli alti dirigenti in Italia sono cresciuti. Quelli dei lavoratori sono diminuiti. Forse creerebbe lavoro sbloccare il patto di stabilita' dei comuni''.