Canguro, che cos’è e quando è stato usato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 Luglio 2014 15:47 | Ultimo aggiornamento: 30 Luglio 2014 15:47
Canguro, che cos'è e quando è stato usato

Il Senato

ROMA – Il ‘canguro’ è una prassi parlamentare anti-ostruzionista, già usata in passato, che consente di votare gli emendamenti raggruppando tutti quelli di contenuto analogo: una volta approvato o bocciato il primo, decadono o passano tutti gli altri.

Il termine ‘canguro’ è un’invenzione lessicale: la parola non è messa per iscritto in nessuna norma. Ma nel gergo parlamentare ha già dato vita a numerosi derivati, come ‘cangurato’, ‘incangurabile’. Non è nuovo il ‘canguro’ alle Aule parlamentari italiane, ma è al centro della scena in Senato da quando ha fatto decadere ben 1.400 emendamenti alla riforma costituzionale.

Martedì a Palazzo Madama la decisione di Grasso di applicare il ‘canguro’ dopo la bocciatura di un emendamento di Sel, ha fatto decadere automaticamente centinaia di proposte di modifica analoghe. Per fare un esempio, l’emendamento di Sel bocciato diceva tra le altre cose che la Camera è composta da 300 deputati. E allora è stato considerato superato l’emendamento successivo che era praticamente identico, con l’unica differenza di indicare un numero di 360 deputati.

Il meccanismo del ‘canguro’ non è mai stato previsto dal regolamento del Senato. Ma la giunta per il regolamento di Palazzo Madama nel 1996 lo aveva preso ‘in prestito’ dal regolamento della Camera. Oggi la stessa giunta riconferma la legittimità della sua applicazione anche per le leggi costituzionali, facendo rientrare la tecnica ‘anti-ostruzionismo’ tra i poteri del presidente del Senato previsti dall’articolo 102 comma 4 del regolamento (“Il presidente ha facoltà di modificare l’ordine delle votazioni quando lo reputi opportuno ai fini dell’economia o della chiarezza delle votazioni stesse”, dispone la norma).

Nel frattempo, però, nel 1997 il regolamento della Camera è stato modificato. E oggi all’articolo 85 bis prevede espressamente che la tecnica di accorpamento delle votazioni non può essere utilizzata per i progetti di legge costituzionale. Dunque, quando il disegno di legge di riforma del Senato arriverà a Montecitorio, il ‘canguro’ non potrà essere applicato.