Cannabis libera, Salvini contro la proposta M5s: “Non è nel contratto, non passerà mai” VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 gennaio 2019 15:57 | Ultimo aggiornamento: 11 gennaio 2019 20:14
Cannabis, Salvini contro la liberalizzazione di M5s: Non è nel contratto

Cannabis libera, Salvini contro la proposta M5s: “Non è nel contratto, non passerà mai”

ROMA – Matteo Salvini frena il disegno di legge a firma M5s per poter legalizzare la coltivazione, lavorazione e vendita della cannabis e dei suoi derivati. Dopo la proposta presentata da Matteo Mantero in Senato, il primo a frenare era stato Lorenzo Fontana, ministro della Famiglia. Poi è arrivato il ministro dell’Interno e leader leghista a sancire il suo diktat: “Non è nel contratto, non passerà mai”.

Secondo Mantero, autore del disegno di legge, la legalizzazione della cannabis “consentirebbe un risparmio dei costi legati alla repressione penale del fenomeno e riassorbirebbe buona parte dei profitti criminali del mercato nero, che ricordiamolo nel mondo il business complessivo del narcotraffico secondo le stime si attesta a 560 miliardi di euro l’anno, mentre in Italia è stimato in circa 30 miliardi di euro, pari a circa il 2% del Pil nazionale, più della metà del mercato è costituito dalla marijuana e suoi derivati”.

La brusca frenata era già arrivata da Fontana, che dopo aver appreso della presentazione del disegno di legge aveva dichiarato: “Le proposte sulla legalizzazione dell’uso della cannabis  non sono concordate. Si tratta infatti di un tema che non è nel contratto del governo e che non è nell’agenda della Lega. Ci sorprende quindi che vengano presentati disegni di legge che sembrano più provocazioni che altro”. Un discorso supportato anche da Salvini.

5 x 1000

Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica il video con la dichiarazione di Salvini.