La Caprioglio di Pionati: “Curerò la cultura, cioè farò la madrina”

Pubblicato il 26 Novembre 2010 16:04 | Ultimo aggiornamento: 26 Novembre 2010 16:06

Debora Caprioglio oggi

Non sono in tanti quelli di Alleanza per il Centro, ma per la prossima Conferenza nazionale del partito si sono riccamente assortiti. Ci sarà ovviamente il leader, Francesco Pionati, ex giornalista politico della Rai, famoso e stimato a suo tempo per non aver mai detto una sola sillaba che non fosse già stampata sui dispacci di agenzia e per non averla mai pronunciata in video senza che prima fosse stata vidimata dal politico che l’avrebbe ascoltata. Pionati, una garanzia per la politica.

Poi Pionati si fece lui stesso politico e da allora è noto e stimato per non aver mai detto una sola sillaba che non fosse contenuta nella frase: sono d’accordo con Berlusconi, sto dalla sua parte. Un leader così non poteva restare solo. E infatti è stato raggiunto nell’impegno politico da Debora Caprioglio, grazie all’intercessione, racconta lei stessa, del secondo marito: Angelo Maresca. La Caprioglio, attrice che continuerà a fare l’attrice, non sarà una semplice militante o iscritta di Alleanza per il Centro. Sarà la responsabile nazionale del settore Cultura del partito.

Debora Caprioglio venti anni fa

Una facile ironia potrebbe avanzare la considerazione che, non essendo in molti in Alleanza per il Centro, la concorrenza alla responsabilità nazionale del settore Cultura non era così vasta e agguerrita. Una volgare ironia potrebbe ricordare quello per cui molti italiani ricordano la Caprioglio: il film Paprika di Tinto Brass. Cinismo acido e di retroguardia, nessuno, tanto meno una donna, deve essere sottovalutata o peggio quando si fa “cittadina” ed è antipatico e maleducato volerla inchiodare alla sua immagine da ruoli cinematografici.

Insomma Caprioglio è “persona” e non “femmina”. Se non fosse per il ruolo che orgogliosamente la stessa Caprioglio si auto assegna nel partito, quello di “madrina”. Sì, madrina, farà la madrina dal palco, lo dice lei. La “madrina”, quella che con la sua presenza allieta e ingentilisce. E’ questo il ruolo che si assegna. Introdurrà nell’imminente Assemblea nazionale la telefonata di… Silvio Berlusconi che chiama dalla… Libia. Scenografia, copione, parti in commedia e pezzo forte dello show se li sono assegnati da soli e li hanno festosi comunicati al paese. E senza ironia.