Dagospia: Massimo Fini difende la Carfagna (“Va giudicata come ministro”) e attacca Paolo Guzzanti: “La mignotta è lui”

Pubblicato il 23 Novembre 2010 18:15 | Ultimo aggiornamento: 23 Novembre 2010 18:15
Mara Carfagna

Mara Carfagna

Mara Carfagna si “smarca” dal Pdl, Paolo Guzzanti la attacca e Massimo Fini prende le difese del ministro per le Pari Opportunità. Dopo che la Carfagna aveva annunciato le proprie dimissioni (sia dal governo che dal partito) in seguito agli attacchi subiti dai suoi “compagni”, il senatore Guzzanti l’aveva attaccata attraverso un’intervista rilasciata a Malcom Pagani per il Fatto Quotidiano: “Ha fatto lap dance nelle discoteche e posato per fotografie osé”. Sempre sul Fatto Quotidiano è arrivata la “difesa” del ministro, a firma di Massimo Fini, ripresa anche da Dagospia.

In un Paese “dove non si dimette mai nessuno”, ha spiegato Fini, “a cominciare dal “lider maximo”, e dove c’è voluto del bello e del buono per schiodare persino Scajola dalla sua poltrona, non è cosa da poco. Poi Carfagna ha fatto un po’ di marcia indietro. Possiamo immaginare le pesanti pressioni e le lusinghe del Pdl. Le auguriamo che sappia e possa resistere. Comunque si dimetta o no alla fine, ha messo il dito su questioni serissime e fastidiosissime per il suo partito. Ha detto che in Campania “mi viene impedita la possibilità di battermi per la legalità”, ha parlato di “guerra per bande” per aggiudicarsi il termovalorizzatore di Salerno e i relativi appalti che stanno finendo nelle mani di Nicola Cosentino, indagato per collusione con i clan camorristi, ha fatto capire che il Pdl si sarebbe ridotto a un comitato d’affari”.

Invece Paolo Guzzanti porta avanti la sua “crociata” personale dopo che, ha spiegato Fini, la Carfagna replicò agli attacchi della famiglia Sabina (il rampollo del senatore le diede pubblicamente della p…..a”. Fini ha ricordato le frasi di Guzzanti senior: “C’è un certo stridore” dice “fra quelle istantanee e l’essere ministro”. Ma se fare la “lap” o posare semisvestita non erano qualità per fare politica questo valeva anche prima, quando Carfagna fu eletta in Parlamento e poi fu nominata ministro, in epoche i cui Paolo Guzzanti era ben incistato nel Pdl e non proferì parola, non obiettò nulla. In ogni caso oggi Carfagna è ministro e va giudicata come tale e non per i suoi precedenti di ragazza immagine o di valletta. E a detta anche delle opposizioni è stata un buon ministro, equilibrato”.

Più avanti, prosegue Fini, “Guzzanti sorpassa la “questione Carfagna” e impartisce lezioni “urbi et orbi”: “Berlusconi ha disossato la dignità delle donne con lo stesso sistema con cui ha disarticolato la democrazia. I due processi sono complementari… Berlusconi è la quintessenza dell’albertosordismo nazionale. Il dramma è che la gente lo segue”. E Guzzanti ci ha messo quindici anni per capirlo? E chi, se non Guzzanti, ha seguito Berlusconi in questi quindici anni scrivendo, sul “Giornale”, articoli di una lascivia laudatoria che non trovano uguali nemmeno durante il fascismo”.

Ma, continua il giornalista, “uno che in gioventù ha militato nel Psi, che in seguito è stato craxiano (il che non vuol dire essere stati socialisti, cosa che vale anche per Giuliano Ferrara), quindi berlusconian-cossighiano (un mostro bicefalo, animale quasi unico nella fauna politica), per poi lasciare il Cavaliere per motivi che hanno a che fare più che altro con la sua diletta figliolanza e scoprirsi alla fine liberale, non può dare lezioni di nessun tipo. Tantomeno di morale”.

Paolo Guzzanti

E qua c’è l’ultima parte dell’elogio di Fini: “Carfagna mi sembra intellettualmente più onesta. Ha ammesso: “So benissimo che la mia carriera politica è stata calata dall’alto”. E bisogna aver capito poco dell’animo femminile per non ritenerla sincera anche quando dice: “Posai per quelle foto e ne sono contenta perché i miei nipotini potranno dire: mamma mia com’era carina nonna da giovane”. Nella volgarità del Guzzanti invecchiato malissimo (da giovane, quando lavorava a “Repubblica”, è stato uno dei migliori inviati della sua generazione) questa frase diventa masturbatoria. Non so se Mara Carfagna sia appartenuta alla “mignottocrazia” come l’ha bollata Guzzanti rimangiandosi poi tutto per timore di una querela e su diktat di quell’altro vecchio malvissuto che è Fabrizio Cicchitto. Ma a me, oggi, la vera “mignotta” mi pare proprio Paolo Guzzanti”.