Carlo Sibilia, sottosegretario M5s che non crede allo sbarco sulla Luna e vuole le nozze uomo-cane

di redazione Blitz
Pubblicato il 13 giugno 2018 18:12 | Ultimo aggiornamento: 13 giugno 2018 19:09
Carlo Sibilia, sottosegretario M5s che non crede allo sbarco sulla Luna e vuole le nozze uomo-cane

Carlo Sibilia, sottosegretario M5s che non crede allo sbarco sulla Luna e vuole le nozze uomo-cane

ROMA – Lo sbarco sulla Luna? E’ una “farsa”. E i vaccini obbligatori? Come il Tso per i bambini. Ne è convinto Carlo Sibilia, sottosegretario del governo Conte agli Interni fresco di nomina.  [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Sibilia è uno dei grillini più chiacchierati degli ultimi anni proprio a causa di certe sue uscite strampalate e complottiste. Come quando accusò il presidente della Repubblica Sergio Mattarella di essere stato corrotto con i rolex per aver posto la firma al tanto vituperato decreto sui vaccini. Oppure come quando, subito dopo la strage di Charlie Hebdo, insinuò: “Incredibile che a Charlie Hebdo sia rimasto ucciso l’economista Maris che denunciava irregolarità su emissione moneta”.

Sibilia, classe 1986, è di Avellino e ha una laurea triennale in Biotecnologie conseguita all’Università di Perugia. Tra il 2007 e il 2008 è stato tra i cofondatori dei meetup “Amici di Beppe Grillo” nella sua città. E’ un parlamentare M5s al secondo mandato e in questi anni si è distinto per diverse sparate che vale la pena rievocare.

Il ricco catalogo delle sue gaffe comincia nel 2013 quando, alla vigilia delle elezioni, propose una legge per consentire a uomini e donne di sposare chiunque, compresi gli animali, “purché consenzienti”. Non era una battuta, come non lo furono le successive teorie cospirazioniste sul signoraggio bancario, l’odiatissimo gruppo Bilderberg, e altre assurde leggende metropolitane. Sibilia ha messo in dubbio anche che l’attentato di Ottawa, in Canada, dell’autunno 2014 fosse stato “opera di un pazzo”: “Eppure dov’è che hanno iniziato a sparare i politici… – si domandava – proprio in un paese come il Canada. Opera di un pazzo o di qualcuno che ha ritrovato la ragione?”. Ha detto che l’attentato a Falcone e Borsellino fu “rivoluzionario” e accusato l’ex Capo dello Stato Giorgio Napolitano di essere un boss della mafia. Insomma, chi più ne ha più ne metta.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other