Casa An a Montecarlo: Storace fa fare istanza contro la archiviazione della accusa a Fini per truffa

Pubblicato il 9 novembre 2010 12:58 | Ultimo aggiornamento: 9 novembre 2010 12:58

La Destra, il movimento politico fondato dall’ex camerata Francesco Storace  ha anche consegnato ieri al tribunale di Roma un’istanza contro l’archiviazione dell’inchiesta sulla vendita della casa di Montecarlo ordinata da Gianfranco Fini all’amministratore del suo partito a favore di una misteriosa società caraibica presentatagli dal cognato GiancarloTulliani.

I punti chiave della richiesta di opposizione all’archiviazione avanzata dalla Procura di Roma sono in un documento di 63 pagine, firmato dai due esponenti de La Destra, Roberto Buonasorte e Marco Di Andrea, in cui si spiega che servono nuove indagini e nuovi interrogatori perché, a differenza di quanto sostengono i pm, per i due ricorrenti ci sono artifizi, raggiri e danni patrimoniali.

Buonasorte e Di Andrea chiedono di iscrivere nel registro degli indagati Giancarlo Tulliani e Donato La Morte con l´accusa di truffa; archiviare, invece, la stessa accusa per Francesco Pontone, a sua volta raggirato, ma iscriverlo per false dichiarazioni e favoreggiamento perché ha cercato di aiutare il Presidente della Camera. “Pontone ha dichiarato il falso”, sostengono i ricorrenti.

«La Buona Battaglia e Il Grande Imbroglio» è invece il titolo di una ricostruzione filmata di 15 minuti della vendita della casa di An a Montecarlo. Pubblicato su Youtube, il reportage è stato realizzato dalla federazione romana de «La Destra».

5 x 1000