Casaleggio? Sembrava uno “spirito del male” a Beppe Grillo, ad altri uno “scienziato del male”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 febbraio 2019 7:43 | Ultimo aggiornamento: 15 febbraio 2019 20:56
Casaleggio grillo

Casaleggio? Sembrava uno “spirito del male” a Beppe Grillo, ad altri uno “scienziato del male”

ROMA – Casaleggio? Sembrava uno “spirito del male” a Beppe Grillo, uno “scienziato del male” secondo un vecchio collaboratore. Gianroberto Casaleggio, co-fondatore con Beppe Grillo del Movimento 5 stelle, è al centro di un articolo in cui, sulla rivista americana Wired, Darren Loucaides ha ricostruito il percorso che ha portato il Movimento 5 stelle alla posizione, si spera per poco, di primo partito d’Italia. Un articolo di oltre 5 mila parole, di cui si raccomanda la lettura. 

Nelle elezioni italiane del 2018, ricorda Darren Loucaides, il Movimento 5 stelle – la cui enfasi sulla sovranità popolare era, a volte, suonata simpatica per le opinioni anti-UE e anti-immigrati – ha conquistato così tanti seggi da trasformarsi nel più grande partito italiano.

Quando lo scorso settembre, Stephen K. Bannon l’ex strategist di Donald Trump e aspirante pifferaio magico degli etno-nazionalisti europei, arrivò a Roma per festeggiare l’alleanza, i vecchi membri 5 stelle vacillarono: il movimento era finito legato a un partito guidato da un uomo che molti di loro consideravano un fascista.  

Stavano inoltre iniziando a capire che l’evoluzione del movimento non era mai stata naturale così come sembrava.

Ogni passo – dalla creazione del blog di Grillo e l’organizzazione delle prime proteste di massa del movimento alla costruzione della piattaforma di democrazia diretta, fino alla recente svolta verso la politica nativista – il corso del Movimento era stato meticolosamente diretto da un cyber-utopista di nome Gianroberto Casaleggio, co-fondatore del movimento.

Casaleggio, morto di cancro al cervello nel 2016, era in qualche modo una persona nota. Negli anni ’90 e nei primi anni 2000, lui e una serie di altri profeti dell’era di Internet – molti dei quali hanno scritto su Wired- hanno predetto una rivoluzione digitale che avrebbe raso al suolo la politica, il governo, il giornalismo e li avrebbe sostituiti con reti decentrate a partecipazione diretta. Ma Casaleggio, a differenza dei suoi colleghi sapientoni, in realtà ha continuato a montare una forza rivoluzionaria che ha conquistato un paese. Non solo, ha diretto il Movimento apparentemente privo di leader senza attirare su di sé alcuna attenzione. Ecco quindi il mistero nel cuore del Movimento: chi diavolo era Gianroberto Casaleggio e come ha fatto?

Negli anni ’70, Ivrea era la risposta italiana alla Silicon Valley. Era la città natale di Olivetti, un’icona del design, dell’elettronica e della produzione europea del dopoguerra. Agli albori dell’industria informatica, Olivetti fu uno dei pochi concorrenti europei a dominare il mercato; nel 1965 pubblicò il primo dispositivo al mondo commercializzato come un “desktop computer”.

L’ultimo fu l’M24, un gioiellino. Ma il mercato italiano era troppo piccolo e impreparato, i frutti erano poi colti da Microsoft.

Il giovane Gianroberto Casaleggio fu uno dei progettisti di software di Olivetti. Uno del posto con una lunga criniera di capelli ricci, all’università prima di ritirarsi e passare al computer, aveva studiato fisica. È finito in un piccolo ufficio, su una strada tranquilla, per lo sviluppo dei sistemi operativi Olivetti.

Olivetti era un posto stimolante dove lavorare anche in altri modi, specialmente per chi fosse incline al pensiero utopico. Adriano Olivetti, il defunto proprietario e direttore generale gestiva l’azienda come una sorta di CEO-filosofo. Ha inoltre scritto libri in cui espone le sue opinioni. In uno, Democrazia senza partiti, sostiene che la tecnologia dovrebbe essere utilizzata per restituire ai cittadini i meccanismi della politica.

Negli anni ’90, Casaleggio gestiva ormai la sua compagnia e toccò a lui il ruolo di CEO-filosofo. L’azienda si chiamava Webegg, divenne rapidamente una delle principali fornitrici di servizi di consulenza internet in Italia, concludeva affari redditizi aiutando le aziende più “vecchie” a trovare “soluzioni basate sul web” e a navigare meglio nel mondo sconcertante di bit, software di messaggistica e marketing online.

A Casaleggio piaceva dare responsabilità incredibili ai giovani assunti, ai più talentuosi e più suggestionabili. A Webbegg, uno di questi era Carlo Baffè, un ingegnere bolognese. Quando era arrivato fresco di laurea nel 1997, a Baffè aveva immediatamente consegnato le redini di uno dei più grandi progetti della compagnia. “Non preoccuparti”, lo aveva rassicurato Casaleggio.

“Napoleone invase l’Italia quando aveva 26 anni”. Circa un anno dopo, Baffè ricevette un’altra chiamata. “Ho in mente questo nuovo progetto speciale”, gli aveva detto Casaleggio spiegando che l’obiettivo era quello di sperimentare le dinamiche della comunicazione sull’intranet aziendale. Casaleggio avrebbe selezionato gli argomenti per il  forum interno dell’azienda e assegnato ai membri del gruppo dei ruoli specifici da svolgere in ciascuna discussione.

L’obiettivo originario del progetto era osservare come funzionavano le comunicazioni elettroniche interne e poi vendere i risultati come servizio di consulenza. Ma l’esperimento aveva avuto implicazioni di più ampia portata, come realizzò Baffè. Casaleggio era interessato a capire come il consenso potesse essere acquisito in modo che sembrasse naturale. Venti anni prima che i troll  lavorassero per l’Agenzia di ricerca Internet russa e usassero tecniche analoghe per orientare il dibattito su Facebook e altri forum online, Casaleggio sembrava utilizzare la sua azienda come laboratorio per capire in che modo un dibattito online potesse essere orientato dai piani alti.

In pratica, le discussioni intranet di Casaleggio, le sessioni di gruppo e gli interventi psicologici spesso sembravano un modo per eludere direttori e team leader – gli intermediari dell’impresa – così da esercitare la massima influenza sul proprio staff. “Il canale tra il capo e ogni dipendente è diretto”, diceva Baffè. Sempre più spesso, il giovane ingegnere iniziò a vedere Casaleggio come uno “scienziato del male”.

“Il leader interattivo sarà dunque il nuovo politico, una persona che trasforma costantemente i desideri dell’opinione pubblica in realtà”, scriveva Casaleggio.

A causa delle crescenti perdite finanziarie, nel 2003 Casaleggio era stato costretto a lasciare il principale azionista della società, Telecom Italia. Webegg chiuse poco tempo dopo. Casaleggio aveva i contatti e l’esperienza per rimanere comunque un protagonista nel settore tecnologico italiano, ma a quel punto il suo interesse per Internet stava virando dalle imprese a un altro ambito: la politica.

Anche chi conosceva bene Casaleggio (ma che forse non leggeva attentamente i suoi libri) fu sorpreso dall’improvvisa svolta. Zublena ricorda di avergli detto:”Ma Gianroberto, non sei mai stato minimamente interessato alla politica!”. Per tutta risposta, il taciturno Casaleggio scoppiò a ridere mettendo in mostra lo spazio tra i due incisivi superiori. “Andiamo” insistette Enrica Zublena “con tutte le cose che ci sono al mondo stai entrando in politica?”. Ma Casaleggio rideva tenendo per sé le sue motivazioni.

L’istrionico comico Beppe Grillo era abituato a fan molto fanatici e nessuno fino alla notte di un aprile del 2004 l’aveva impressionato quanto un visitatore in particolare.  Dopo uno spettacolo a Livorno, Gianroberto Casaleggio era apparso alla porta del camerino di Grillo e si era presentato come un imprenditore del web. Ma con la sua massa di capelli grigi, gli occhiali alla John Lennon e un’intensità silenziosa, ricorda Grillo, sembrava più uno “spirito del male”.

Grillo racconta questo primo incontro nella prefazione scritta per il libro di Casaleggio, Web Ergo Sum. “Mi ha spiegato il webcasting, la democrazia diretta, i chatterbots, i wiki, il downshifting, la fruibilità, gli oggetti dell’interazione digitale, i social network, la legge di Reed, le intranet e il copyleft”, ricorda Grillo. Paragonò Casaleggio a San Francesco d’Assisi, ma “invece di parlare ai lupi e agli uccelli, parlò a Internet”.

Casaleggio aveva offerto a Grillo di realizzare un blog. Il comico, pur noto, era stato licenziato dalla RAI negli anni ’80 dopo aver fatto una battuta volgare sulla corruzione del  governo, all’epoca socialista. Casaleggio gli stava offrendo una nuova strada per accedere al pubblico di massa e una via d’uscita da infiniti tour teatrali: internet. “Diventeremo uno dei tre migliori blog del mondo”, aveva promesso Casaleggio. E così era iniziata una collaborazione che avrebbe trasformato la politica italiana.

Il 26 gennaio 2005, nove mesi dopo la visita di Casaleggio al camerino di Grillo a Livorno, il blog  beppegrillo.it. è stato attivato.

I primi messaggi di Grillo erano brevi e d’effetto:”Ha senso parlare ancora di destra, di sinistra o di centro? oppure “Non abbiamo bisogno di un leader, siamo adulti!”. Nel giro di pochi mesi, il numero di commentatori dei post è arrivato a centinaia e poi a migliaia. 

Dal primo anno, Grillo e Casaleggio hanno inoltre usato il blog per spingere i lettori verso l’azione politica. Hanno lanciato iniziative come Parlamento Pulito, gli utenti potevano scrivere e-mail per protestare contro i politici eletti ma con condanne penali. E nel luglio 2005, sei mesi dopo il lancio del sito, un post sul blog annunciava un nuovo gruppo su Meetup: Amici di Beppe Grillo, attraverso il quale i lettori potevano organizzare incontri, discussioni e “trasformare un dibattito virtuale in un momento di cambiamento”.

Sono comparsi immediatamente in tutto il paese, diversi gruppi di questo tipo tra cui uno a Napoli, avviato da un fresco laureato in comunicazione, Roberto Fico.

“Nel giro di due mesi, avevano aderito circa 300 persone”, dice Fico. All’epoca lavorava nel turismo, PR, in un call center e dedicava tutto il tempo libero al gruppo Amici di  Beppe Grillo.
Oltre a commentare i post ed entrare a far parte dei gruppi Meetup, beppegrillo.it invitava i lettori ad aprire i propri blog.

Con sede in un quartiere esclusivo di Milano, la Casaleggio Associati all’epoca impiegava circa 10 persone, la maggior parte delle quali erano ex dipendenti di Webegg.

Grillo e Casaleggio parlavano più volte al giorno per discutere i contenuti dei post giornalieri e Casaleggio leggeva al telefono la bozza finale a Grillo. Ma secondo molte fonti, è stato Casaleggio, non Grillo, che in realtà scriveva sul più famoso blog italiano.

Nel 2007, lo staff di Casaleggio Associati aveva festeggiato il milionesimo commento su beppegrillo.it. Casaleggio aveva passato giornate intere a leggere i commenti e riconosciuto molti dei commentatori, in particolare quelli più attivi. Pensò che, attraverso il blog, stava guardando nel ventre dell’Italia, cosa pensava e sentiva la sua gente. E quello che notò fu la rabbia.

Casaleggio aveva visto V per Vendetta, un thriller futuristico del 2005. Il film è ambientato in un Regno Unito distopico, divenuto una società totalitaria e militarizzata, governata da un regime repressivo; una notte, un rivoluzionario che indossa una maschera di Guy Fawkes attacca la principale emittente televisiva governativa e dice ai cittadini di incontrarlo fuori dal Parlamento, mettendo in moto la fine del regime. Ispirato dal film, Casaleggio il 14 giugno 2007 aveva scritto un post a tarda notte, pubblicato con il nome di Grillo. Sotto l’immagine di una maschera di un Guy Fawkes Casaleggio aveva convocato tutti i lettori di Grillo a radunarsi fisicamente per il Vaffanculo Day, entro tre mesi, un dito medio alzato di massa nei confronti dell’establishment politico.

L’obiettivo apparente del V Day era quello di accrescere la campagna Parlamento Pulito: raccogliere le firme per imporre una legge che limitasse i rappresentanti eletti a due legislature e bandisse i candidati con condanne penali. Ma lo scopo più profondo era quello di ottenere uno spettacolo di forza, per dimostrare che il movimento non era solo un fenomeno virtuale.

Nel pomeriggio del V Day, l’8 settembre 2007, nella piazza erano presenti circa 50.000 persone. In tutta Italia, in circa 200 piazze, si stava ammassando altra folla.

Il successo del V Day era stato elettrizzante. Due milioni di persone si erano radunate in tutto il paese; erano state raccolte 350.000 firme per Parlamento Pulito. E tutto era stato pianificato meticolosamente dalla Casaleggio Associati. Con questa svolta verso la politica, Casaleggio aveva detto al suo staff di iniziare a sviluppare una piattaforma online per unificare i vari gruppi Meetup: un singolo portale web con un forum. Casaleggio voleva dare una forma alla politica del movimento. “Definiamo alcune regole”. I membri del gruppo Amici di Beppe Grillo eletti avrebbero dovuto osservare il limite di due legislature. Non erano ammessi candidati con condanne penali, né quelli che avevano partecipato alle elezione con altro partito. Solo alcuni principi fissi, aveva detto Casaleggio.

In quelle prime elezioni locali, gli Amici di Beppe Grillo facevano a malapena una proiezione; molti candidati, tra cui Fico e Di Battista, non avevano ottenuto più dell’1 o 2% dei voti. Ma le loro carriere in politica erano lungi dall’essere finite. Il 4 ottobre 2009, quando la crisi economica mondiale ha iniziato a colpire l’Italia, scatenando un decennio di malessere e un’estesa disoccupazione giovanile, il Movimento 5 stelle è stato ufficialmente lanciato a Milano in un teatro affollato. Dal palco, Grillo aveva detto che stavano avviando il partito perché nessuno li stava ascoltando e al contempo ammesso di non essere sicuro di ciò che stessero facendo o dove stessero andando. Ma Casaleggio sapeva esattamente dove erano diretti: Roma.