--

Casini: “Sì al Pd ma senza Vendola, Berlusconi penoso”

Pubblicato il 3 Novembre 2012 9:45 | Ultimo aggiornamento: 3 Novembre 2012 9:47

Pierferdinando Casini (LaPresse)

ROMA- Sì all’asse con il Pd, ma senza Nichi Vendola e tutto per “la permanenza di Mario Monti a Palazzo Chigi”, sempre che il risultato elettorale della sua “Lista per l’Italia” lo consenta. Pierferdinando Casini si dice pronto a rilanciare l’alleanza con il Pd che in Sicilia ha portato a un insperato successo, a patto che il partito di Bersani si liberi dagli ”estremismi” mentre per il Ppe italiano invocato da Angelino Alfano e i suoi, tanto più dopo il ”penoso” Berlusconi di Lesmo, siamo fuori tempo massimo.

Intervistato da Repubblica, Casini interviene anche sulle elezioni considerando ”una valutazione di buon senso” il voto anche a febbraio, se sarà necessario per fare economia. ”L’incontro tra moderati e progressisti è possibile – spiega Casini alludendo senza citarlo, a Nichi Vendola – ma deve essere fatto in piena chiarezza e serietà. Io chiedo al Pd come sia possibile un’alleanza con chi ha sostenuto il referendum sull’art. 18, la battaglia al fianco dei No Tav, con chi ha attaccato Monti e il suo governo”.

Per quanto riguarda la Lista per l’Italia, Casini assicura che ”simbolo e nome ci saranno all’atto di scioglimento delle Camere” e ”migliore sarà il risultato della Lista all’ indomani del voto, più probabile sarà la permanenza di Monti a Palazzo Chigi”. Casini andrà al Quirinale? ”Qualcuno mi vorebbe rottamare, altri in corsa per il Colle – replica il leader Udc. – Mi ritengo ancora troppo giovane per entrambi”.

Sul Pdl, Casini osserva: ”Non voglio chiudere il dialogo ma ormai c’è  una doppia anima nel Pdl. Quella di Berlusconi e quella di Alfano. Noi non possiamo pagare le contraddizioni di un Pdl che compie un passo avanti e due indietro. Gli appelli che ci vengono rivolti li trovo ridicoli, patetici”.