P3. Casinò, scommesse online e Camorra: spunta anche Lele Mora

Pubblicato il 22 luglio 2010 20:03 | Ultimo aggiornamento: 22 luglio 2010 20:22

Spunta anche il nome di Lele Mora nell’ambito dell’inchiesta sulla cosiddetta P3. I carabinieri del nucleo investigativo di Roma scrivono infatti che ”Pasquale De Martino (esponente del clan Sarno) ha instaurato rapporti con i noti Lele Mora e Flavio Carboni e, dal tenore di molte conversazioni intercettate, tali contatti sembrano essere finalizzati a realizzare, tramite tali personaggi importanti iniziative imprenditoriali verosimilmente nel settore dei casinò, i cui contorni devono essere ancora chiaramente delineati, stante l’abitudine dei soggetti monitorati di non parlare esplicitamente al telefono”.

A tal proposito gli investigatori citano una conversazione dell’imprenditore giudicata importante per le ”modalità allusive” con cui gli intercettati parlano ”al fine di non far comprendere il reale tenore della conversazione a un eventuale ascoltatore”.

Nel corso della discussione Carboni tranquillizza il suo interlocutore sulla proprio affidabilità: ”Io ho il mio allenamento … io ho una scuola del silenzio e della dimenticanza … dimentico di tutto”.

Per i carabinieri ”il nesso tra gli affari che coinvolgono il Carboni e gli altri indagati emerge inequivocabilmente da alcune conversazioni censurate dalle quali si evince il coinvolgimento del Carboni in affari concernenti la realizzazione di siti di scommessa online che il De Martino sta realizzando per conto di organizzazioni criminali di tipo camorrista quali il clan Sarno”.