Politica Italia

Caso Moro, autori del libro su Via Fani contro Rotondi: “Di quali misteri parla?”

Quando il Ministro Rotondi afferma che Eleonora Moro (vedova di Aldo Moro) è stata ”protagonista di una tragedia nazionale a cui lei è sopravvissuta lungamente e le cui irrisolte domande sopravvivranno lungamente a lei” parla a nome del Governo o a titolo personale? E’ quanto si chiedono Manlio Castronuovo e Romano Bianco, autori del libro “Via Fani ore 9.02″, uscito il 16 marzo 2010 per l’editore Nutrimenti.

Secondo Bianco ”se la sua è una dichiarazione ‘ufficiale’ riteniamo sia irrispettosa in primo luogo nei confronti dei familiari delle vittime ai quali lo Stato promette sempre di essere impegnato nella ricerca della verità e della giustizia a parziale risarcimento del dolore subito.”

”Il Governo afferma che nella vicenda Moro esistono degli interrogativi irrisolti che sopravvivranno a lungo, molto più a lungo di protagonisti e vittime. Perché?”, è l’interrogativo che si pone Manlio Castronuovo che prova a darsi anche qualche risposta: ”Forse perché la verità di cui la vedova di Aldo Moro era a conoscenza e che l’ha sempre portata ad indicare nelle personalità dello Stato ancora in vita i veri assassini del marito, è una verità che nessun Governo vorrà mai dire? E’ forse un messaggio per tutti coloro che, faticosamente ed in maniera indipendente, non si sono arresi e continuano a cercare la verità? E’ forse un messaggio per i pm romani che stanno lavorando ad un’importante inchiesta che potrebbe portare a delle clamorose novità?”,

To Top