Come votano i cattolici? I più devoti non tutti a destra

Pubblicato il 18 ottobre 2011 11:48 | Ultimo aggiornamento: 18 ottobre 2011 12:40

ROMA – Più della metà dei cattolici praticanti vota Udc, i praticanti saltuari scelgono invece la Lega. I non credenti votano Sinistra Arcobaleno, Verdi e Comunisti Italiani. In tempi in cui si parla di un ritorno della Democrazia Cristiana, e in cui il mondo cattolico sembra pronto e deciso a dare la spallata al governo di Berlusconi, capire come votano gli stessi cattolici può essere un tassello fondamentale. Un sondaggio riportato dal Sole 24 Ore svela il voto dei cattolici, rapportato a chi invece non è credente.

Cominciamo proprio dai cattolici praticanti. La maggioranza, il 54,5% vota l’Udc, il 34,8% il Pdl. A seguire l’Idv col 29,7%, la Lega, 27,8, il Pd, 25 e Sinistra Arcobaleno, 10,9%.

Per quanto riguarda invece i praticanti saltuari, coloro che credono ma non sono assidui frequentatori di funzioni religiose, il dato cambia drasticamente. La maggioranza di loro vota infatti LEga, 59,5%. Seguono il Pdl, 51,4%, Pd, 44,6% e Udc, 37,5%. Chiudono Idv, 35,9 3 Sinistra Arcobaleno 26,1%.

Il “ribaltone” arriva passando ad esaminare il voto dei non credenti, o non praticanti. Ben il 63% vota infatti Sinistra Arcobaleno, il 34,4% Idv e il 30,4% il Pd. Il 13,8 vota invece il Pdl, il 12,7 Lega e l’8% l’Udc.

Se ne deduce che Idv e Pd sono i partiti che raccolgono una percentuale simile, poco importa se a votare siano credenti o non. Udc, Pdl e Lega invece hanno un netto distacco tra credenti e non, ragion per cui perderebbero una netta percentuale di voti qualora i cattolici non dovessero più votarli.