Cecile Kyenge e la sua legge per aiutare i “marinai negri”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 28 Maggio 2014 16:21 | Ultimo aggiornamento: 28 Maggio 2014 16:21
Cecile Kyenge e la sua legge per aiutare i "marinai negri"

Cecile Kyenge e la sua legge per aiutare i “marinai negri”

ROMA – Forse un refuso o forse una leggerezza nel copiare. Sta di fatto che, seppure indirettamente, Cecile Kyenge sdogana la parola “negro”. Lo fa mettendo nero su bianco la sua firma, prima di una lunga lista di firme, su una legge che riguarda la discriminazione, compresa quella dei “marinai negri”.

Il disegno di legge in questione, il numero  2139 della Camera dei deputati è stato presentato ufficialmente il 26 febbraio scorso ma stampato solo questa settimana. E contiene una “sorpresa”

A scrutare nel testo è stato Libero ed in effetti la parola “negro” sembra esserci. Scrive Libero

Il testo di legge porta il titolo «Disposizioni per la modifica o l’abrogazione di norme discriminatorie». Ed è a pagina 2 che sdogana per la prima volta il termine proibito, ricordando la «recente abrogazione delle disposizioni discriminatorie in materia di personale marittimo negro imbarcato sulle navi italiane, disposta dall’articolo 6 della legge 23 settembre 2013, n.113».

Una conferma, sempre a Libero, arriva dal deputato Khalid Chaouki:

«Non me ne ero accorto», confessa candido a Libero Chaouki, «ho letto le norme e forse scorso frettolosamente la relazione che le accompagnava. Magari era una citazione giuridica dalla vecchia legge fascista, forse era proprio scritto così, marittimo negro…».