Celentano sindaco di Milano? Il “molleggiato” non si tira indietro

Pubblicato il 12 maggio 2010 23:08 | Ultimo aggiornamento: 13 maggio 2010 11:29

Adriano Celentano

Adriano Celentano come prossimo sindaco di Milano? La candidatura è stata lanciata da Mario Capanna, durante la presentazione del suo ultimo libro, e il ‘molleggiato’ non si è tirato indietro. “E’ un po’ presto per dirlo, è un po’ difficile da realizzare, ma – ha detto Celentano – come si fa a dirlo? Se viene fuori una cosa importante, potrei essere responsabilizzato, potrei dire ‘non voglio fare il sindaco perchè so come va a finiré, ma subentrerebbe la coscienza per questa voce elevata e a questo punto – ha aggiunto – mi dovrei piegare a queste richieste e sarebbe molto divertente”.

Al primo punto del ‘programma’ del candidato ci sarebbe “buttare giù Milano, quella brutta”. “Milano non ha un volto, certo, non si può radere al suolo la città, ma la gente – ha garantito l’ex ragazzo della Via Gluck – si divertirebbe a distruggere. Per esempio, potremmo fare un referendum per buttare giù i nuovi grattacieli”.

Al di fuori della provocazione, secondo Celentano, quello che serve oggi per ridare un senso di comunità ai cittadini: “E’ uno scatto forte, tipo rifare le città a uso dell’uomo”.

5 x 1000

A voler essere cattivi, stupisce che Milano, da sempre avamposto della modernizzazione italiana, riponga in due personaggi noti, apprezzati ma fatalmente “agée”  (65 anni per Capanna, 72 per il “molleggiato”) le speranze di rinnovamento. Sembra di assistere a una cronaca di 40 anni fa, con i protagonisti che però hanno sotterrato le asce della dura contrapposizione ideologica di allora. Celentano cantava “Chi non lavora non fa l’amore”, canzone leggera fino a un certo punto, con gli scioperi e i picchetti dove Capanna si costruiva la fama di rivoluzionario. Ma quei tempi son lontani, se perfino “Il Secolo d’Italia”, ex organo dei missini italiani e adesso megafono del nuovo corso finiano, ha speso parole di apprezzamento, addirittura di gratitudine per il Che Guevara nazionale.