Chi è Maurizio Martina, nuovo ministro dell’Agricoltura

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 febbraio 2014 22:03 | Ultimo aggiornamento: 21 febbraio 2014 22:11
Maurizio Martina

Maurizio Martina

ROMA – Maurizio Martina è il nuovo ministro per le Politiche Agricole. L’ex sottosegretario nello stesso stesso discastero, aveva ricevuto da Enrico Letta la delega a presiedere la Commissione di coordinamento per le attività connesse all’Expo 2015.

Leggi anche -> La lista dei ministri del governo Renzi, con numeri, curiosità e confronti

Martina è uno dei giovanissimi della squadra di Renzi, nato a Calcinate, in provincia di Bergamo, il 9 settembre del 1978, sposato con due figli. Nel suo blog ricorda ricorda di avere avuto nonni contadini mentre il padre e la madre hanno sempre lavorato in fabbrica. Dalla sua anche una formazione specifica nel settore agricolo, essendosi diplomato all’Isstituto tecnico Agrario di Bergamo. Poi la laurea in Scienze Politiche e una veloce ascesa in campo politico (“la politica è la mia passione”, dice nel blog ma un pezzo del cuore è anche per la squadra di casa, l’Atalanta, di cui si dichiara tifoso), arrivando a distinguersi tra i fondatori del Partito Democratico.

Tra le sfide che lo attendono ci sarà, oltre all’Expo, quella di soprintendere alla realizzazione dei nuovi indirizzi della politica agricola comunitaria, soprintendere alla riorganizzazione di Agea e Inea, sbarrare o meno la strada agli Ogm secondo quella discrezionalità imputata dalla Ue ai singoli governi.

La carriera politica di Martina comincia nel 1999, quando è eletto Consigliere comunale a Mornico al Serio (Bg), carica ricoperta fino al 2004. Sempre nel 2004, dopo una militanza nell’organizzazione giovanile dei Democratici di Sinistra, viene eletto Segretario della Provincia di Bergamo. Nel 2006 assume la carica di Segretario Regionale dei Democratici di Sinistra in Lombardia. Nel 2007 è tra i fondatori del Partito Democratico. Nello stesso anno, a seguito delle primarie, è eletto primo Segretario del Partito Democratico della Lombardia. Nel 2009, sempre attraverso le primarie, viene riconfermato alla guida del Partito Democratico Regionale Lombardo. Nel 2010 è eletto Consigliere della Regione Lombardia, incarico riconfermato nelle consultazioni popolari del febbraio 2013.

Durante i mandati di Consigliere Regionale Lombardo è stato componente della Commissione Affari Istituzionali e della Commissione Attività Produttive.

Il 3 maggio 2013 ha giurato come Sottosegretario di Stato del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali del Governo Letta e da oggi s’insedia come nuovo ministro del dicastero di via XX Settembre.