Clandestini, Blangiardo (Istat): erano 533mila, diventeranno oltre 700mila

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 maggio 2019 9:41 | Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2019 9:41
Clandestini, Blangiardo (Istat): erano 533mila, diventeranno oltre 700mila

Clandestini, Blangiardo (Istat): erano 533mila, diventeranno oltre 700mila

ROMA – I clandestini in Italia “sono quasi 600mila”. Altro che i 90mila di Matteo Salvini. O meglio: il vicepremier leghista dava la cifra giusta quando era in campagna elettorale, peccato però che poi, una volta al governo, abbia rivisto il dato notevolmente al ribasso. 

A ritornare alla cifra reale ci pensa Gian Carlo Blangiardo, tecnico voluto dallo stesso Salvini alla guida dell’Istat, nel rapporto Ismu (Iniziative e Studi sulla Multietnicità) del 2018 sulle migrazioni certificò 533mila irregolari, con tendenza in aumento: “La crescita è iniziata nel 2013, quando si sono esauriti gli effetti dell’ultima sanatoria, varata da Monti l’anno prima”.

Il rapporto per arrivare alle cifre utilizza un metodo induttivo basato sui sondaggi nei centri di raccolta degli stranieri in tutta Italia: chiese, moschee, mense come quelle Caritas. Il metodo si è sempre rivelato attendibile in occasione di ogni sanatoria. 

In una intervista al foglio Blangiardo ha ipotizzato che Salvini intendesse 90mila clandestini “in più”: gli immigrati irregolari presenti in Italia, infatti, non sono certo 90mila, ma sono 90mila in più. “Al primo gennaio 2018 erano 533 mila, è inevitabile che siano aumentati”, ha detto al Foglio. Cifre che confermano la stima dei 600mila clandestini. 

Le cifre sono queste anche per l’Ispi, l’Istituto per gli studi di politica internazionale, che ha calcolato che per effetto del decreto Sicurezza di Salvini, oggi legge, gli irregolari aumenteranno di 137mila persone in due anni, superando quota 700mila. (Fonte: Il Corriere della Sera, Il Foglio)