Claudio Gentile: “Non farò il ministro di Di Maio”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 febbraio 2018 14:34 | Ultimo aggiornamento: 21 febbraio 2018 14:34
Claudio Gentile (foto Ansa)

Claudio Gentile (foto Ansa)

ROMA – Anche Claudio Gentile, ex difensore della Juve e della Nazionale, eroe del Mundial ’82, ha detto no a Luigi Di Maio: “Non farò il ministro del suo possibile governo”.

Di Maio presenterà la squadra di governo la prossima settimana, forse venerdì 2 marzo, l’ ultimo giorno di campagna elettorale. Ma per ora la squadra ancora non è completa.

Tanti i no ricevuti da Di Maio: a rifiutare la poltrona di ministro, in ordine sparso, anche l’ambasciatrice Laura Mirachian e l’ ex dirigente di Bankitalia Pierluigi Ciocca. Lo storico dell’ arte Tomaso Montanari. E anche Carlo Cottarelli.

Una poltrona potrebbe spettare a  Vincenzo Spadafora, consigliere politico del M5s, ex presidente Unicef Italia e ora candidato per la Camera. Gli unici del M5S a sedere accanto a Di Maio dovrebbero essere i fedelissimi Alfonso Bonafede e Riccardo Fraccaro.

Il momento resta delicato. Tanto che Beppe Grillo ha anche fatto saltare le date del suo spettacolo, previsto a Roma il 22 e il 23 febbraio. Il comico non vuole sovrapporre il suo show all’ ultima delicata fase della campagna elettorale.

Intanto continuano le faide interne al Movimento. La giudice Cecilia Pratesi, del Tribunale di Roma, è stata chiamata a valutare il ricorso di un’ attivista veneta, Maria Elena Martinez, non ammessa alle Parlamentarie. Confermando, come da statuto, l’ insindacabile potere del capo politico, cioè di Di Maio, di scegliere i candidati, la giudice ha però aggiunto di considerare la procedura di selezione grillina lontana “dai canoni minimi di democrazia interna”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other